Notizie - Categorie

Apr06

Assemblea Regionale dei dipendenti pubblici

Categoria: Notizie - Categorie, Notizie - FP

Assemblea Regionale dei dipendenti pubblici

Oggi all’Auditorium Petruzzi si sono riuniti circa 300 delegati della Cisl del pubblico impiego, alla presenza del Segretario Generale CISL FP Nazionale, Maurzio Petriccioli, per affrontare le problematiche che i lavoratori vivono quotidianamente sul posto di lavoro in vista delle prossime elezioni Rsu – che si svolgeranno il 17-18-19 aprile prossimi.

I lavori della giornata, dopo aver ricordato le vittime del terremoto di L’Aquila, sono stati aperti dalla relazione introduttiva di Vincenzo Traniello, Segretario generale CISL FP Abruzzo Molise, che ha affrontato il tema del rinnovo del nuovo contratto collettivo nazionale atteso da più di dieci anni dai lavoratori del pubblico impiego. “L’accordo del 30 novembre 2016 costituisce una svolta epocale nelle relazioni sindacali nel pubblico impiego ponendo le basi di un inversione di tendenza rispetto agli ultimi 10 anni: il legislatore ha espropriato attraverso la legge alcuni istituti del CCNL alla contrattazione. La Legge Madia e i contratti, appena siglati, sono frutto di un’azione contrattuale che rimette al centro del pubblico impiego le competenze e le professionalità delle risorse umane”. Inoltre Traniello, ha affrontato la questione di una programmazione sanitaria regionale che deve trovare un riscontro nelle azioni gestionali delle ASL. “In Abruzzo esiste un problema di qualificazione della spesa sanitari: troppo orientata ai presidi ospedalieri e poco assolutamente inadeguata per la medicina territoriale”. Il segretario della Cisl FP dell’Abruzzo e del Molise alla fine nel suo discorso ha denunciato per l’ennesima volta l’inefficienza organizzativa dell’Ente regione, che in questi ultimi anni si è trasformato da Ente di programmazione ad ente di gestione con tutto ciò che ne consegue dal punto di vista gestionale ed operativo.

Sono intervenuti, in rappresentanza degli 850 candidati della CISL FP in Abruzzo, vari  delegati dei comparti di sanità, autonomie locali e enti centralizzati che portato le loro istanze dei posti di lavoro all’attenzione della platea.

Nel suo intervento Leo  Malandra, Segretario Generale CISL Abruzzo Molise, ha ricordato l’ottimo risultato del rinnovo contrattuale, pazientemente costruito a livello nazionale dalla FP e dalla CISL, per i lavoratori e le lavoratrici di Regioni, Province, Comuni, Camere di Commercio, Enti ed agenzie regionali, e del comparto sanità, che, oltre ad un blocco del contratto per quasi un decennio, hanno pesantemente subito gli effetti della crisi. “Grazie alla contrattazione, che nel pubblico è tornata a prevalere  sulla legge, si è aperta una nuova pagina per il lavoro pubblico con due fondamentali obiettivi raggiunti: oltre ad un incremento delle buste paga, si dà una risposta in termini di qualità dei servizi offerti ai cittadini e alle aziende, cioè di una Pubblica Amministrazione che tende ad essere più vicina, dialogante con cittadini ed Associazioni e non più essere percepita come un problema, un peso, un ostacolo per la Comunità. Il ruolo della Pubblica amministrazione, delineato nel nuovo contratto, dovrà avere conseguenze positive anche a livello di Ente Regione, con una sua profonda riorganizzazione, per un utilizzo e gestione  più efficace ed efficiente che nel passato di tutti gli strumenti programmatori fondamentali per lo sviluppo dell’Abruzzo come il Masterplan, il Patto per lo Sviluppo, la Carta di Pescara, la ZES, nonché per il completamento della riorganizzazione della Sanità”.

Nelle conclusioni Maurizio Petriccioli, Segretario Generale CISL FP Nazionale, ha sottolineato la necessità di ridare una dignità nuova al lavoro pubblico, sfruttando la chiusura di tutti i contratti per rinnovare le relazioni sindacali e mettere davvero al centro del Sistema Paese, i servizi erogati, ai cittadini e alle imprese, dalle lavoratrici e dai lavoratori del settore pubblico. 

“Nel prossimo futuro, - continua Petriccioli -, abbiamo un’occasione straordinaria: l’Istat ha certificato che nei prossimi 10 anni andranno in pensione 1 milione di operatori, numeri che devono necessariamente porre al centro della nostra agenda l’impegno a favore di un nuovo grande piano industriale per la PA che prenda piede dalla stabilizzazione dei precari, dallo scorrimento delle graduatorie degli idonei, vincitori di concorso; e dalla lotta alle esternalizzazioni dei servizi, attuata dalle amministrazioni per coprire la riduzione reale dei diritti e dei salari”.

In questo contesto, la CISL FP, con maggior forza, dovrà pensarsi come un 'sindacato di prossimità', in grado di difendere i servizi pubblici ed essere vicino alle necessità e ai bisogni delle lavoratrici, dei lavoratori e dei professionisti che rappresentiamo ogni giorno. Possiamo riuscire in questo grande cambiamento organizzativo, se saremo in grado di mettere in rilievo il lavoro costante delle Rsu e dei nostri delegati territoriali, ai quali dobbiamo fornire strumenti e servizi in grado di difendere il lavoro e rispondere in maniera innovativa ai nuovi bisogni che emergono quotidianamente nei luoghi di lavoro, - così il Segretario Generale Nazionale della FP, Maurizio Petriccioli ha chiuso i lavori della giornata che ha riunito i candidati alle prossime elezioni RSU e tutti i delegati della CISL FP in Abruzzo.”

 

Il Segretario Generale

   Vincenzo Traniello

                                      

Apr11

Le relazioni sindacali nell’industria alimentare 4.0

Categoria: Notizie - Categorie, Notizie - FAI

Le relazioni sindacali nell’industria alimentare 4.0

Le relazioni sindacali nell’industria alimentare 4.0 è il tema su cui si è sviluppato il dibattito tra il mondo delle imprese e il sindacato. La tavola rotonda è stata organizzata a Pacentro nei locali della Taverna de li Caldora, dalla  FAI CISL AbruzzoMolise alla presenza del Segretario Generale Aggiunto della CISL Nazionale, Luigi SBARRA  e dei responsabili della maggiori aziende abruzzesi del settore agroalimentare: CocaCola, De Cecco, SpumadorRefresco e la San Benedetto.

Il Convegno, si inserisce in un percorso  formativo dei delegati della Federazione agroalimentare abruzzese e molisana della CISL, ha ricordato  Franco PESCARA, Segretario Generale. Nel suo intervento di presentazione, ha sottolineato l’importanza dell’accordo CGIL-CISL-UIL e Confindustria sulle nuove relazioni sindacali e delle varie opportunità offerte dal piano industria 4.0, ma soprattutto ha valorizzato il lavoro svolto in questi anni nei rinnovi contrattuali sottoscritti con le varie aziende presenti nel territorio delle due regioni.

“Siamo nel vivo della quarta rivoluzione industriale, - così Leo MALANDRA, Segretario Generale CISL AbruzzoMolise nel suo intervento ha affrontato le opportunità e i pericoli che si incontrano in questo cambiamento del modello industriale -,  dove il processo di digitalizzazione del sistema produttivo non deve essere un rischio in termini occupazionali, ma un’occasione di crescita per il futuro del  Paese, dell’Abruzzo e del Molise anche in previsione di una nuova e più qualificata occupazione. Una risposta a queste trasformazioni è sicuramente il nuovo accordo sottoscritto da Cgil-Cisl-Uil e Confindustria su un modello contrattuale innovativo. Nei territori c’è bisogno di favorire questo vento d’innovazione attraverso lo sviluppo di un sistema di incentivi operativi (MasterPlan, Patto per lo Sviluppo, Carta di Pescara) e una rete tra le grandi e piccole imprese per non arrivare impreparate alle sfide del cambiamento soprattutto in due regioni altamente manifatturiere.”

“Il cambiamento non deve essere vissuto come un ostacolo ma come un’occasione di stimolo per i lavoratori attraverso  la conoscenza della tecnologia, - questo è quello che il mondo delle imprese hanno voluto dire ai rappresentanti sindacali presenti in sala.

“Solo la formazione permette di stare al passo con i tempi e le innovazioni tecnologiche, - cosi Luca Pisano, Direttore Risorse Umane, e Lorenzo Milani, Resonsabile Relazioni Industriali, del Gruppo San Benedetto hanno sottolineato come, attraverso gli investimenti tecnologici si possa arrivare alla produttività per non avere un impatto negativo sui lavoratori. Per Domenico Moretti, Direttore delle risorse Umane del Gruppo De Cecco, la sfida di industria 4.0 si sviluppa anche sugli investimenti nella formazione delle lavoratici e dei lavoratori, quindi non solo tecnologia ma anche persone. All’innovazione si coniuga inevitabilmente flessibilità e sicurezza sul lavoro. La multinazionale Spumador s.p.a. Gruppo Refresco,  ha denunciato le difficoltà che l’azienda incontra nella ricerca di personale altamente qualificato e specializzato, secondo il Direttore Operation, Tullio Tiozzo,”il sistema scolastico italiano non è ancora capace di formare persone pronte ad entrare nel mondo del lavoro orientato verso l’innovazione”. Invece, Pietro Guardiani, Plant Manager, ha ricordato che la società ha bisogno di nuovi “mestieri” spendibili nella nuova organizzazione del lavoro. Una sfida culturale che può essere percorsa grazie anche ad azioni e progetti  condivisi con le organizzazioni sindacali. Un modello di relazioni industriali capace di creare nuovi strumenti contrattuali per sostenere ed aiutare le aziende nella ricerca di risposte puntando sulla flessibilità e sulla formazione. Per il Gruppo Cocacola, Matteo Butturi e Matteo Perfetti, le relazioni sindacali, anche con la sfida di “Industria 4.0”, devono essere costanti per poter intraprendere la strada giusta verso le nuove tecnologie e i nuovi processi produttivi.

Nelle conclusioni il Segretario Generale Aggiunto della CISL nazionale, Luigi SBARRA, ha sottolineato come in ogni processo di cambiamento si nascondono opportunità ma anche insidie che possono essere gestite attraverso responsabilità e protagonismo della classe dirigente. Le innovazioni tecnologiche sono necessarie per ridare competitività al nostro sistema imprese. “Dobbiamo vivere questa fase da protagonisti, non con atteggiamenti conservativi ma riformisti per governare situazioni totalmente nuove e per ritornare a crescere in termini economici ed occupazionali, - continua Sbarra – La CISL è un sindacato riformista capace di creare strumenti utili e necessari per la crescita del Paese e agevolare senza ostacoli il cambiamento”. Il nuovo modello contrattuale, previsto nell’accordo tra CGIL-CISL-UIL e Confindustria, favorirà la competitività delle   imprese per recuperare produttività, non solo tradotto in lavoro, ma anche in risorse infrastrutturali, energetiche  e di servizi, a cui seguirà una fase di redistribuzione della ricchezza in salari. Il “Piano industria 4.0” è una sfida tecnologica che deve ridare dignità al lavoro e valorizzare la persona. La formazione e la valorizzazione del capitale umano sono la cerniera tra  il lavoro  e il mondo della scuola. Il tema delle politiche attive del lavoro è una questione ancora aperta ma deve essere affrontata per potenziare strumenti come l’alternanza scuola lavoro e l’apprendistato. Il tessuto produttivo ha bisogno di essere rafforzato ripensando ad una nuova organizzazione del lavoro, alla definizione di nuovi inquadramenti professionali ma anche una migliore conciliazione dei tempi di vita e di lavoro”. Nel suo intervento Sbarra ha riportato il tema sull’agroalimentare perché “è la prima filiera del Made in Italy nel mondo, che negli anni ha dimostrato grandi capacità di sviluppo e di tenuta occupazionale e produttiva soprattutto negli anni della crisi. Il sistema agroalimentare ha una capacità occupazionale di 500 mila persone e produce 135 miliardi di ricchezza. La vera sfida è far ritornare il settore agroalimentare a priorità per far ripartire crescita e sviluppo, - ha concluso Sbarra.”

Apr06

ABRUZZO ENGINNEERING

Categoria: Notizie - Categorie, Notizie - Fisascat

ABRUZZO ENGINNEERING

La Fisascat AbruzzoMolise con una lettera indirizzata al VicePresidente della Giunta Regionale, Giovanni Lolli, ha denunciato il ritardo del pagamento degli stipendi delle lavoratrici e dei lavoratori di ABRUZZO ENGINNEERING.

La Federazione della CISL nell’esprimere forte preoccupazioni per le condizioni dei lavoratori, ha richiesto lo snellimento delle procedure amministrative attraverso un’assunzione di responsabilità da parte della Regione e dell’azienda.

 

 

 

Mar24

Consiglio Generale FLAEI CISL Abruzzo Molise

Categoria: Notizie - Categorie, Notizie - FLAEI

Consiglio Generale FLAEI CISL Abruzzo Molise
Il 24 marzo 2018 ad Isernia si è svolto il  Consiglio Generale della FLAEI CISL AbruzzoMolise per approfondirele tematiche della contrattazione, come l'Accordo CGIL-CISL-UIL e Confindustria e per parlare dei servizi della Cisl.
Apr03

Comunicato stampa sul settore dei Trasporti

Categoria: Notizie - Categorie, Notizie - FIT

Comunicato stampa  sul settore dei Trasporti

In questi giorni, la febbrile pubblica attività di una sola Organizzazione Sindacale dei Trasporti (la FILT CGIL) tra quelle presenti ed accreditate nella TUA spa, potrebbe trasmettere all’opinione pubblica l’idea che sia la sola paladina degli interessi dei lavoratori, dei cittadini e dell’azienda stessa oltre che delle popolazioni residenti nelle aree interne regionali.

Ci teniamo, invece, a comunicare come davvero stanno le questioni chiarendo che le scriventi Segreterie Regionali hanno l’interesse a che le attività esercitate dalla TUA e dalle aziende del gruppo abbiano i conti a posto e che ai cittadini vengano resi servizi utili ed efficienti.

La gestione delle attività commerciali della TUA spa (gestione di linee automobilistiche che collegano le principali città regionali verso Roma, Napoli, Bologna) producono al bilancio di TUA una perdita secca di oltre 1.000.000 €/anno che per quest’anno mettono a rischio lo stesso riconoscimento al personale dipendente del premio di produttività. Perdita derivante da un drastico calo dei passeggeri (-170.000 utenti nell’ultimo triennio) conseguenza dell’apertura al mercato di questo tipo di attività e di una storica scarsa capacità aziendale di gestire gli effetti del passaggio da una originaria posizione monopolistica ad una attuale di confronto nel mercato.

A questo quadro si è, come già accennato, aggiunto l’effetto della specifica normativa di settore che impone una netta separazione societaria (e non una semplice separazione contabile come viene raccontato) rispetto alla gestione dei servizi di Trasporto Pubblico Locale (attualmente per la TUA spa, conseguentemente alla stipula del contratto di servizio con un affidamento in-house da parte della Regione Abruzzo, tale obbligo è ancora più stringente).

Questa la cruda realtà che ci ha convinti a condividere un progetto che prevede:

  • La prosecuzione della gestione delle attività commerciali da parte di TUA per il tramite della società partecipata Sangritana spa piuttosto che procedere in un radicale abbandono;
  • Una nuova proposta di esercizio che cancelli tutte le corse poco utilizzate o per nulla utilizzate dall’utenza e modifichi, in direzione di una maggiore utilità per la clientela, gli orari offerti;
  • Il rinnovo anche della flotta dedicata alle relazioni commerciali per elevare lo standard qualitativo dell’offerta di trasporto;
  • L’utilizzo nella fase di start-up di personale viaggiante della TUA spa nelle more che Sangritana spa recluti nuovo personale da dedicare esclusivamente alle attività commerciali creando nuova e sana occupazione sul territorio regionale.

E’ pertanto obiettivo delle scriventi completare il percorso di risanamento del Trasporto Pubblico (per un periodo peraltro condiviso anche dalla FILT CGIL) tenendo ben presenti però i risultati di bilancio e di sostenibilità del servizio senza appesantire il carico fiscale sulla collettività.

Abbiamo come scopo quello di assicurare stabilità occupazionale, ed anche quello di mantenere la presenza del pubblico in un settore che, se lasciato nelle sole mani dei privati, produrrebbe un sicuro aumento dei costi di viaggio per l’utenza. 

        

SEGRETERIE REGIONALI

   FIT CISL - UIL TRASPORTI - FAISA CISAL

Alessandro Di Naccio - Giuseppe Murinni -Luciano Lizzi

 

 

 

Gen30

STEFANO DI CRESCENZO è stato eletto Segretario della FEMCA CISL ABRUZZOMOLISE

Categoria: Notizie - Categorie, Notizie - FEMCA

STEFANO DI CRESCENZO  è stato eletto Segretario della FEMCA CISL ABRUZZOMOLISE

STEFANO DI CRESCENZO   è stato eletto Segretario Generale della FEMCA CISL AbruzzoMolise dal Consiglio Generale della struttura sindacale interregionale svoltosi ieri, 30 gennaio 2018, presso l'Hotel Villa Immacolata di Pescara.

Di Crescenzo, giovane pescarese di 41 anni, ha iniziato la sua esperienza sindacale come delegato della Fater per poi diventare responsabile della struttura di federazione territoriale di Pescara, fino ad essere nominato due anni fa componente di Segreteria della Federazione della Cisl AbruzzoMolise.

All’Assemblea della FEMCA,  categoria che rappresenta i lavoratori dell'Energia, della Moda e della Chimica, hanno partecipato tutti i delegati rappresentanti dei territori delle due regioni Abruzzo e Molise, il Segretario Nazionale della FEMCA, Nora GAROFALO ed il Segretario Generale CISL AbruzzoMolise, Leo Malandra.

Nella relazione introduttiva il Reggente della FEMCA CISL AbruzzoMolise, Franco ZERRA, si è soffermato sulla crisi delle imprese, facendo il punto sulla situazione economico-occupazionale delle due Regioni.    “Siamo ancora in piena crisi e lo scenario che si prospetta non è dei migliori, gli effetti sono visibili a tutti.  ”Zerra, nel ringraziare tutti coloro che in questi anni hanno lavorato e collaborato con lui, ha ricordato che la Femca ha avviato un percorso di riorganizzazione interna che, oggi, ha portato ad un vero ringiovanimento della classe dirigente ed alla costituzione di una Federazione capace di dare risposte ai lavoratori ed è ampiamente rappresenta nei luoghi di lavoro e nei territori.

 Leo Malandra, Segretario Generale della CISL AbruzzoMolise, nel suo intervento ha annunciato  la manifestazione regionale "Più Lavoro più Sviluppo" che si svolgerà sabato prossimo a Lanciano invitando ad una massiccia partecipazione.

 “L’Abruzzo e il Molise hanno percorso e continuano a percorre periodi di grande difficoltà.  Per ridare sviluppo e lavoro è necessario che ci sia una programmazione territoriale “cantierabile” insieme a dei progetti di investimenti e di politiche attive del lavoro. I prossimi mesi saranno delicati, anche se i livelli occupazionali sono rientrati sui valori pre crisi  quasi il 70% dell’occupazione è purtroppo precaria, - ha denunciato Malandra. Le imprese, attraverso gli ammortizzatori sociali, nonostante un lieve calo, ci lanciano ancora segnali di crisi e di riorganizzazione del tessuto produttivo, per questo la Giunta Regionale deve aprire un tavolo di confronto  con le forze sociali per dare risposte ai giovani, alle donne, ai lavoratori e ai pensionati”.

“L’occupazione c’è solo se ci sono le imprese. Dobbiamo scongiurare che le aziende esternalizzino la loro produzione.  Occorre attivarsi a tutto campo per rendere i territori attrattivi e competitivi attraverso investimenti infrastrutturali, politiche fiscali di vantaggio e sburocratizzazione della P.A.: queste sono alcune delle  proposte contenute nel documento della CISL  “Per l’Europa, il lavoro, il fisco e il welfare”,  - ha sottolineato Nora Garofalo, Segretario Generale della Femca CISL.   Le proposte della CISL saranno presentate il 5 marzo al nuovo Governo, perché solo attraverso il confronto e il dialogo si potranno superare le iniquità sociali. Nell’attuale dibattito politico, purtroppo, molte questioni sono totalmente assenti, come quella del Sud, dove gli incentivi all’occupazione devono diventare strutturali e non  essere solo interventi isolati. ”. La Segretaria Garofalo, nel concludere i lavori del Consiglio Generale della Femca Cisl AbruzzoMolise, ha affrontato il tema delle relazioni industriali, “il nuovo modello, oltre a definire  le linee guida per i rinnovi contrattuali, deve avere anche un sistema di certificazione della rappresentanza, per evitare il fenomeno dei “contratti pirati” sottoscritti da sindacati di comodo e che svendono le tutele dei nostri lavoratori”.

Barbara TOCCO e Antonio STIVALETTA accompagneranno nei prossimi anni Stefano DI CRESCENZO nelle azioni di tutela e di rappresentanza dei lavoratori dell’energia, della moda, della chimica ed affini in Abruzzo e in Molise.  Una Federazione giovane che sarà presente soprattutto sui territori grazie anche alla costituzione delle Aree della FEMCA territoriali, - ha sottolineato il neo Segretario nell’esprime gratitudine a quanti oggi gli hanno espresso fiducia eleggendolo Segretario Generale di una grande Federazione.


         

 

Dec18

Olivieri (Cisl): “Trasferito a Modena l'ufficio ricostruzione Bper”

Categoria: Notizie - Categorie, Notizie - FIBA

Olivieri (Cisl): “Trasferito a Modena l'ufficio ricostruzione Bper”

Bper ha comunicato ufficialmente, con una lettera notificata ai cinque addetti al servizio, il trasferimento dell'Ufficio ricostruzione dall'Aquila a Modena. La notifica è arrivata nello stesso giorno in cui il sindaco dell'Aquila, Pierluigi Biondi, annunciava, con toni trionfanti, di aver avuto rassicurazioni dal presidente della Fondazione Carispaq, Marco Fanfani, sul congelamento di ogni provvedimento inerente lo spostamento del servizio in Emilia Romagna”. E' quanto afferma Giulio Olivieri, segretario regionale First- Cisl. “Lo scorso 4 dicembre”, fa notare Olivieri, “La Cisl aveva lanciato l'allarme sul mancato rinnovo di 29 contratti di lavoro interinali in Abruzzo, da parte di Bper, stigmatizzando il preannunciato trasferimento dell'Ufficio ricostruzione dell'Aquila nella struttura direzionale di Modena. Ad oggi è tutto confermato”, sottolinea Olivieri, “nonostante i tentativi di qualche forza politica di cavalcare la vertenza messa in atto dalla Cisl, facendo confusione sui termini della stessa e invitando, addirittura, a rivolgersi ad altri istituti di credito, e nonostante le rassicurazioni del sindaco, Biondi, che ha confuso i 29 addetti con contratto interinale, che operano nelle filiali Bper con i 5 dipendenti dell'Ufficio ricostruzione della Banca. La realtà è che Bper sta procedendo al trasferimento in altra sede dell'Ufficio ricostruzione, mentre non è arrivata alcuna comunicazione ufficiale sulla proroga dei contratti interinali in scadenza”. La Cisl aveva lanciato un appello a tutte le istituzioni locali affinché si facesse quadrato intorno alla vertenza. “Abbiamo registrato solo posizioni singole e inefficaci, che non hanno portato a nulla”, incalza Olivieri, “torniamo a chiedere il rispetto dei lavoratori Bper, chiamando l'azienda alle proprie responsabilità e ad una maggiore attenzione sul territorio. Vanno salvaguardati i posti di lavoro presenti in Abruzzo, in particolare all'Aquila: un territorio che deve mantenere standard di servizio adeguati, anche in relazione alla ricostruzione e alla ripresa dell'economia locale Questo sia per quanto riguarda gli enti erogatori che i beneficiari dei finanziamenti per la ricostruzione. La Cisl punta l'indice “contro gli amministratori locali, che si sono succeduti in questi anni e non hanno fatto nulla contro le scelte scellerate della Carispaq, e sulla Fondazione Carispaq che", conclude Olivieri, "è un azionista di tutto rilievo di Bper, tanto da esprimere un azionista all'interno del Consiglio di amministrazione".

 

 

                                                 L'Ufficio Stampa

 

Monica Pelliccione

Ufficio Stampa Cisl della provincia dell'Aquila

 

 

Mar09

L’8 marzo per le pensionate della FNP di Pescara

Categoria: Notizie - Categorie, Notizie - FNP

L’8 marzo per le pensionate della FNP di Pescara

Il Coordinamento Donne della Federazione Pensionati CISL di Pescara domani, 8 Marzo 2018, si riunirà, presso la CISL in Via dei Sanniti a Pescara, per affrontare e discutere del ruolo della donna nella società attuale e l’evoluzione delle relazioni familiari dove la donna ha, da sempre, avuto un ruolo insostituibile.

Alla riunione hanno partecipato la Coordinatrice Concetta Colagrande, del Coordinatore  di Pescara, Agostino Di Giovanni, Coordinatore della FNP di Pescara, e la Coordinatrice Donne della FNP- CISL Interregionale Eva Santangelo.

            Il Coordinamento, composto da 15 donne provenienti da tutta la provincia pescarese, è una componente essenziale in ogni struttura della Federazione dei Pensionati della CISL, e ogni anno, l’8 marzo, organizza iniziative per valorizzare l’importanza del ruolo della donna nella società.

            Il Coordinamento Donne della Fnp CISL di Pescara, quest’anno, ha deciso di fare visita alle ragazze ospiti del CEIS, Centro di solidarietà -Associazione gruppo solidarietà, di Pescara per poter, dopo avere visto un video, scambiare le esperienze reciproche.

La Fnp vuole aiutare i più deboli e gli emarginati della società del nuovo millennio esprimendo vicinanza e solidarietà con un piccolo omaggio floreale alle giovani ospiti del Centro e a tutte le donne presenti all’evento.

           

 

La Federazione F.N.P - CISL

Il Coordinamento Donne FNP-CISL

 

 

 

 

Nov17

Una manifestazione unitaria settore edile

Categoria: Notizie - FILCA, Notizie - Categorie

Una manifestazione unitaria settore edile

Le scriventi OO.SS. comunicano che lunedì 20/11/2017 dalle ore 15,00  davanti la sede dell’Ance Regionale, si terra’ una manifestazione unitaria propedeutica allo sciopero nazionale  proclamato per il giorno 18/12/2017 a sostegno del rinnovo del Contratto Nazionale del settore edile    Al presidio parteciperanno i Segretari Interregionali, Regionali e Territoriali delle Federazioni di categoria.

Il rinnovo del contratto per i lavoratori dell’edilizia vive una fase di stallo dovuta all’inerzia della Associazione Nazionale dei Costruttori Edili.

 La piattaforma nazionale di confronto contrattuale, presentata all’inizio dell’anno, contiene richieste di adeguamento salariale, tutela del sistema degli Enti Bilaterali (Casse Edili, Scuole Edili e C.P.T.), proposte contro il lavoro nero, contro l’evasione fiscale, la sicurezza sul lavoro, l’istituzione di un fondo sanitario integrativo nazionale, il rafforzamento della previdenza complementare e l’istituzione di un fondo integrativo per il pensionamento anticipato dei lavoratori edili maggiormente esposti a rischio.

 A livello provinciale i lavoratori delle costruzioni da mesi attendono la definizione e l’erogazione dell’ E.V.R., che rappresenta l’elemento che definisce la produttività nel nostro settore, mai così alta rispetto al passato per effetto dell’impegno sulla ricostruzione post-terremoto, e alcune sostanziali modifiche al Contratto Provinciale.

 L’Ance L’Aquila emula il comportamento dell’Ance Nazionale dilatando a dismisura i tempi del confronto per non assumere impegni ed evitare di corrispondere ai lavoratori del più grande cantiere di Europa il giusto compenso di produttività mentre è molto attiva per patrocinare svariate iniziative che nulla hanno a che fare con il settore delle costruzioni.

 Torniamo, dunque, a manifestare per ripristinare il ruolo politico delle Parti Sociali e ridare slancio alla contrattazione per annullare l’assenza di volontà di confronto e costringere l’Ance a tutti i livelli a riprendere sollecitamente le trattative per la tutela dei lavoratori e per individuare  iniziative di rilancio del settore.      

 

 

Oct09

Graduatorie personale ATA assistenza e consulenza gratuita

Categoria: Notizie - Categorie, Notizie - Cisl Scuola

16-06-2015 - Fonte: inas.it

Graduatorie personale ATA assistenza e consulenza gratuita
La CISL Scuola Abruzzo Molise, ha sottoscritto un accordo con la USI CISL Abruzzo Molise per fornire gratuitamente assistenza e consulenza per l'aggiornamento delle graduatorie ATA anche per i componenti del nucleo familiare degli iscritti alla CISL, previo accreditamento per le vie brevi da parte del referente territoriale o zonale della corrispondente categoria di iscrizione.
La scadenza delle domande é il 30 ottobre.
Per gli orari degli uffici ed eventuali appuntamenti si possono contattare i referenti dei diversi uffici territoriali o zonali.
Gli interessati devono  possedere di un titolo di studio pari o superiore ad una qualifica professionale conseguita nei percorsi triennali.
Per maggiori informazioni ecco il link
http://www.cislscuola.it/index.php?id=3092&tx_ttnews%5Bcat%5D=526&cHash=d7bca8cccc00d46c3bb8324d2c97d6c0

Davide Desiati
Segretario Generale CISL Scuola Abruzzo Molise
Ago30

Incendi boschivi: Ghizzoni (Fns- Cisl) “Risorse insufficienti per prevenzione”

Categoria: Notizie - FNS, Notizie - Categorie

Incendi boschivi: Ghizzoni (Fns- Cisl) “Risorse insufficienti per prevenzione”

La gestione incendi, nel nostro Paese, è fuori controllo. La scarsa attenzione chela Regione ha riservato alla lotta agli incendi boschivi ha portato all’inferno in cui ci troviamo. Se ci sono mani criminose dietro gli eventi incendiari il governo nazionale non può accettare e concedere nessuna deroga alla legge quadro sugli incendi, la numero 353 del 2000. In questi giorni di emergenza assistiamo all’assenza totale di una politica seria di prevenzione, mai messa in campo da questo governo regionale, a tutela del patrimonio boschivo e forestale dell'Abruzzo”. Lo afferma Antonello Ghizzoni, segretario generale della FNS CISL Vigili del fuoco Abruzzo e Molise, sottolineando come siano "molteplici le dinamiche e le responsabilità che ci hanno portato a questa situazione. Le recenti catastrofi devono orientarci verso una nuova politica che sappia valutare l’investimento preventivo sulla base di costi e benefici. Alla Regione, per legge”, evidenzia Ghizzoni, “spettano la tutela del patrimonio boschivo e la lotta attiva contro gli incendi boschivi. Nei mesi scorsi abbiamo denunciato a gran voce, e ripetutamente, come i fondi destinati alla convenzione antincendi boschivi che la Regione stava stipulando con i Vigili del fuoco fossero del tutto insufficienti ed inadeguati. Invano è stata stipulata una convenzione, a livello regionale, che prevede, tra metà luglio e agosto, la composizione di una sola squadra di cinque unità in orario straordinario 8.00-20.00 nei quattro comandi provinciali abruzzesi dei Vigili del fuoco, che integra il dispositivo di soccorso provinciale e viene impiegata esclusivamente sugli incendi boschivi. E' semplicemente assurdo pensare che una sola squadra di Vigili del Fuoco per provincia possa essere sufficiente a raggiungere lo scopo”. Ghizzoni lamenta anche una carenza di mezzi e uomini: “Ai Vigili del Fuoco sono stati assegnati solo 365 ex forestali su 8mila il 5% della precedente forza ex forestale. Una scelta palesemente in contrasto con i principi espressi con l’emanazione D.lgs. 177/2016 il quale ha affidato completamente la competenza dello spegnimento degli incendi boschivi al Corpo nazionale dei vigili del fuoco”. Un trasferimento di competenze che, secondo Ghizzoni “aumenta notevolmente il carico di lavoro che li corpo già svolge con pochi organici e automezzi vetusti, al limite della loro efficienza ed efficacia sugli scenari operativi. E' vergognoso assistere in questi giorni, alla superficialità di alcuni personaggi locali, del mondo politico e non, che attribuiscono colpe e responsabilità al Corpo nazionale dei Vigili del fuoco. Riteniamo invece, di affermare come Fns Cisl che le responsabilità sono esclusivamente attribuibili ad un sistema Paese ormai al collasso e fuori controllo. Il Ministero dell’Interno, di concerto con gli enti locali, deve promuovere un tavolo tecnico per affrontare il problema delle risorse economiche e umane da destinare alla prevenzione e repressione degli incendi boschivi”.


Monica Pelliccione

Ufficio Stampa Cisl provincia dell'Aquila

Sep19

Vertenza Santa Croce

Categoria: Notizie - Categorie, Notizie - FAI

Vertenza Santa Croce

Fai, Flai e Uila, unitamente alle ex Rsu dell’Azienda Santa Croce, avendo appreso dagli organi di stampa che è imminente la sottoscrizione di un accordo tra Santa Croce e Regione Abruzzo per l’acquisto dell’acqua minerale a suo tempo posta sotto sequestro giudiziario, ricordano che il sindacato si era dichiarato favorevole a tale ipotesi a patto che l’Azienda, in un apposito incontro con le OO.SS. che la Regione avrebbe dovuto favorire, avesse dato un segnale tangibile sulla volontà di far fronte alle spettanze pregresse dei lavoratori, sia in termini di stipendi arretrati, sia in termini di TFR, attraverso opportune garanzie. Si è invece costretti a prendere atto che, ancora una volta, le legittime aspettative delle maestranze che, ricordiamo, non percepiscono più alcuna retribuzione dal settembre dello scorso anno, non vengono tenute nella debita considerazione e di questo c’è profondo rammarico. Pertanto si fa appello alla Regione, prima della formalizzazione dell’accordo, affinché si creino le condizioni per tenere in conto anche gli interessi dei lavoratori. In caso contrario, verrà valutata ogni legittima iniziativa per tutelare i diritti degli ex dipendenti Santa Croce ed il giudizio sull’intera operazione non potrà che essere estremamente negativo, potendosi sintetizzare con lo slogan: i soldi ci sono per risolvere ogni problema meno quello degli operai!

 

FAI FLAI UILA ed EX RSU SANTA CROCE

 


           
Lug04

FUTURO FERROVIARIO IN ABRUZZO

Categoria: Notizie - Categorie

FUTURO FERROVIARIO IN ABRUZZO

formalizzati gli investimenti di RFI sulle tratte e sugli impianti regionali. Sviluppi anche per l’Interporto di Manoppello “E’ una fase nuova per la nostra Regione, ma dopo decenni di sostanziale immobilismo per l’Abruzzo si prospetta un ruolo centrale nel sistema ferroviario, grazie agli investimenti formalizzati in questi giorni da RFI e all’avvio dei lavori.” E’ questa la sintesi di Amelio Angelucci, Segretario Generale Aggiunto della Cisl Trasporti Abruzzo Molise, a seguito dell’illustrazione fatta dai vertici di RFI alle OO.SS. circa gli investimenti che permetteranno al nostro territorio di assumere un ruolo centrale e di controllo per l’intera rete ferroviaria dell’Italia centrale e della dorsale adriatica in particolare. “Entro la fine del 2018 a Pescara diventerà pienamente operativa la Sala Controllo Circolazione che, per step, assumerà il controllo del traffico ferroviario nel tratto compreso tra Rimini e Termoli nonché le tratte Terni - Sulmona, Pescara - Sulmona e Teramo - Giulianova, la Civitanova - Albacina e la Ascoli - Porto d’Ascoli. Il tutto con un investimento di poco inferiore ai 15 milioni di Euro.” Angelucci sottolinea anche altri impegni di spesa che miglioreranno le condizioni infrastrutturali sull’intera Regione: “Nel 2019, con l’attivazione del terzo binario tra Pescara C.le e Porta Nuova, si ultimeranno i lavori di riqualificazione della Stazione di Pescara P.N. e si partirà con la realizzazione del raddoppio tra Pescara e Chieti, propedeutico allo sviluppo dell’Interporto di Manoppello che a sua volta verrà gestito ferroviariamente con propria segnaletica e con propri apparati di sicurezza. Anche l’impianto di Sulmona verrà interessato da investimenti su nuovi e più innovativi sistemi di controllo della circolazione, così come la tratta Pescara – Foggia che verrà finalmente dotata del cosiddetto “Blocco Automatico”, cosa che permetterà di elevare la velocità a 200 km/h.” Per la Fit Cisl comunque “l’aspetto fondamentale è l’aver avuto la certezza dei fondi per gli investimenti, dell’avvio dei lavori e la calendarizzazione dei tempi di realizzazione.”

La Segreteria Interregionale

 

 

 

 

 

 

 

May31

Francesca Piscione segretaria nazionale delle FELSA CISL

Categoria: Notizie - Categorie, Notizie - FELSA

Francesca Piscione segretaria nazionale delle FELSA CISL

Mercatone Uno, al via la svendita speciale e il lavoro è sempre più a rischio

Si e' concluso ieri a Milano il II CONGRESSO Nazionale della Felsa Cisl, che ha eletto la nuova Segreteria. Una squadra tutta "giovane" con alla guida Mattia Pirulli, Segretario Generale che sarà affiancato dal riconfermato  Daniel Zanda della Felsa Lombardia e dai nuovi eletti Luca Barila' della Felsa Campania e da Francesca Piscione della Felsa AbruzzoMolise.

Francesca si avvicina alla Felsa Cisl attraverso l’attività di formazione fino ad essere coordinatrice di Pescara e responsabile sportello della Bilateralità

“È un grande riconoscimento per le nostre regioni. A Roma porto il mio bagaglio di esperienze vissute in un territorio così colpito dalla piaga della disoccupazione giovanile. Dobbiamo rivolgerci ai giovani supportarli e orientarli in un mondo del lavoro in continua evoluzione e aiutarli a riscoprire gli ideali”, ha affermato la neo Segretaria Nazionale al termine dei lavori Congressuali-.

La Felsa, rappresenta insieme un progetto e una sfida, quella di aggregare e incontrare i lavoratori nei luoghi di lavoro, offrendo identità sindacale e professionale, tutele contrattuali e servizi. La realtà attuale mette a dura prova il lavoro atipico, in tutte le sue forme. Nella Felsa trovano spazio lavoratori con tipologie contrattuali diverse. La prima attenzione delle Federazione della CISL è sempre rivolta ai più esposti, ai più bisognosi di tutela.

“Sono questi i soggetti a cui pensiamo quando costruiamo, contratto dopo contratto, convenzione dopo convenzione, un vero e proprio welfare contrattuale, che esiste e produce accordi e tutele, che troppo spesso non trovano la giusta eco all’interno dell’informazione sul lavoro in questo paese”, - ha sottolineato la Piscione.

La flessibilità del lavoro è un fattore imprescindibile di qualsiasi mercato del lavoro moderno, che tuttavia assume declinazioni diverse. La sfida che la Felsa lancia, stando sempre all’interno del mondo Cisl, deriva da una scelta di campo: la volontà è di aggregare, oltre che i lavoratori in somministrazione, anche le associazioni professionali. Questa Federazione, che può contare su oltre 50 mila iscritti, sono impiegati come quadri, operatori e dirigenti molti giovani, donne e uomini provenienti dai mondi associati, molti under 30, diplomati, alcuni laureati “freschi” di Università.

 

 

Giu09

I Lavoratori delle Poste in Abruzzo hanno dichiarato lo sciopero

Categoria: Notizie - Categorie, Notizie - FLP

I Lavoratori delle Poste in Abruzzo hanno dichiarato lo sciopero
SLP-CISL, SLC-CGIL, FAILP-CISAL, CONFSAL-COM regionali unitariamente proclamano lo sciopero da tutte le prestazioni aggiuntive nel settore Mercato privati.
    "Dobbiamo gridare forte e chiaro il nostro dissenso e partecipare uniti allo sciopero non concedendo all’azienda alcun minuto in più per rimarcare il nostro disagio, hanno dichiarato le Organizzazioni Sindacali".
    Viste le risposte negative e l’assordante silenzio dell’Azienza rispetto le nostre rivendicazioni a partire dalla inopinata scelta di modificare la gestione delle “inesitate” presso gli uffici postali senza l’adeguata formazione e senza l’inserimento di nuove risorse dal 10 GIUGNO al 7 LUGLIO  (CON ESCLUSIONE DEL GIORNO 16 GIUGNO) ci sarà lo SCIOPERO DELLO STRAORDINARIO E DELLE PRESTAZIONI AGGIUNTIVE.
    Per i sindacati lo sciopero è l'unico strumento per farsi sentire da un'Azienda sorda e arrogante.
    La mobilitazione unitaria nasce dalla necessità di combattere contro scelte scellerate:la mancata copertura degli organici negli uffici postali, l’abuso delle “trasferte” e della mobilità coatta in ambito comunale, la gestione a dir poco confusionaria e fuori dalle regole e dagli accordi delle ferie del personale, la recrudescenza delle pressioni commerciali su DUP, SCF, OSP, e la continua pretesa di prestazione extra orario ai quadri (oltre 36 ore).
SLP-CISL, SLC-CGIL, FAILP-CISAL, CONFSAL-COM vogliono rivendicare la nostra dignità di lavoratori e di persone, il rispetto delle regole  e il passaggio a full-time dei part-time


SLP CISL SLC CGIL FAILP CISAL CONFSAL COM
Giannattasio Di Marcantonio Giuliani Di Berardino

 

[12  >>  
Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto