Economia

Il passaggio verso nuovi equilibri della politica e dell'economia è legato ad un cambiamento profondo delle istituzioni politiche ed economiche, attraverso:

  • l'avvio di una fase "costituente" che riformi l'assetto politico - istituzionale e l'organizzazione dei poteri dello Stato, delle Regioni e del sistema delle autonomie locali, valorizzando i corpi intermedi;
  • la definizione dei nuovi confini fra Stato e mercato, mediante il completamento del processo di liberalizzazione di alcuni settori economici nevralgici del nostro Paese e la realizzazione di un programma di privatizzazioni finalizzato alla eliminazione della spesa pubblica improduttiva e dei costi impropri della politica

Occorre valorizzare l'economia sociale, attraverso politiche pubbliche dell'offerta e dei consumi collettivi che mettano al centro la tutela dei beni comuni, recuperando il ruolo di indirizzo strategico dello Stato nella regolazione del mercato e nella promozione e sviluppo della sussidiarietà.

L'iniziativa sindacale per affrontare tali sfide richiede l'adozione di un modello di azione sindacale di tipo partecipativo, che assume come fattori strategici la democrazia economica e la responsabilità sociale d'impresa.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto