“Territori aperti: territori, lavoro e conoscenza”

“Territori aperti: territori, lavoro e conoscenza”

“Territori aperti: territori, lavoro e conoscenza”.

E' questo il titolo della manifestazione che si è tenuta a L’Aquila venerdì 5 aprile presso l'auditorium del Parco, ed alla quale interverranno i segretari  di Cgil Cisl Uil, rispettivamente Maurizio Landini, Giorgio Graziani e Carmelo Barbagallo.

Quella del decennale del terremoto è stata una giornata dedicata alla memoria e al ricordo ma anche alla presentazione dei progetti e delle iniziative che i sindacati hanno messo in campo (e per i quali hanno raccolto fondi cospicui grazie alla generosità dei lavoratori di tutta Italia) per aiutare il rilancio economico ed occupazionale dei territori colpiti dai terremoti.

 All’Aquila, in particolare, i segretari nazionali hanno illustrato i progetti nati grazie al “Fondo territori lavoro e conoscenza” che Cgil, Cisl, Uil hanno promosso in collaborazione con il Comune e l'Università dell'Aquila.

"È importante per noi a dieci anni dal terremoto che ha colpito L'Aquila e tanti centri dell'Abruzzo aver lanciato oggi una iniziativa innovativa che vedrà la mobilitazione di istituzioni, centri di ricerca, associazioni di impresa e sindacati per sostenere la ricostruzione materiale ed immateriale del cratere sismico". Lo ha sottolineato il Segretario confederale della Cisl, Giorgio Graziani, che ha partecipato per la Cisl a L'Aquila al lancio del progetto Territori Aperti, nato da una idea condivisa tra il Comune di L'Aquila, l'Università dell''Aquila ed attivato grazie ad una sottoscrizione tra i lavoratori iscritti a Cgil, Cisl Uil. "E' una sfida impegnativa che ci darà la possibilità di mettere a disposizione della ricostruzione le competenze del mondo della ricerca, dell'università, della scienza", ha aggiunto il sindacalista. "Nascerà qui a L'Aquila un centro interdisciplinare di documentazione, formazione e ricerca che si porrà come nodo promotore di una rete internazionale di competenze su tutti gli aspetti della prevenzione e della gestione dei disastri naturali nonchè dei processi di ricostruzione e sviluppo delle aree colpite. Vogliamo ripartire dagli investimenti, dal lavoro, dalla capacità di costruire crescita, cercando di dare risposte ai territori ed alle comunità locali. L'obiettivo è far ritrovare la propria vocazione anche manifatturiera e industriale a questo territorio, ridare una prospettiva di fiducia attraverso una nuova progettualità ed alla innovazione tecnologica".

Alla manifestazione hanno partecipato tra gli altri il sindaco Pierluigi Biondi, la rettrice dell’università dell’Aquila Paola Inverardi, il responsabile delle risorse umane della Thales Alenia Space, Riccardo Podda; Davide Martina, responsabile servizio Helpdesk progetto “Territori aperti”, Claudio Pettinari, rettore dell’università di Camerino, e Giovannino Anastasio, sindaco di Pizzoli. 

Al termine dell'evento il Segretario Nazionale Confederale Giorgio Graziani  ha sottoscritto il protocollo per la creazione di un centro interdisciplinare di documenti, formazione e ricerca, una rete internazionale di competenze sulla prevenzione e della gestione dei disastri naturali e dei processi di ricostruzione.

Nella mattinata una delegazione della Cisl guidata dal Segretario Organizzativo Nazionale alla Thales Alenia Space di

Condividi su...

Labor TV

La CISL AbruzzoMolise si sta adeguando al Regolamento Europeo 2016/679 in materia di protezione dei dati personali. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto