La FIOM CGIL strumentalizza i rapporti unitari proclamando lo sciopero

La FIOM CGIL strumentalizza i rapporti unitari proclamando lo sciopero

Il volantino della FIOM sulle ragioni dello sciopero indetto per domani non è unitario. Quella di proclamare lo sciopero in occasione delle manifestazioni organizzate unitariamente sui territori per “Cambiare le pensioni e dare lavoro ai giovani”, è stata una scelta unilaterale della Federazione dei metalmeccanici della CGIL.

In Abruzzo e in Molise i sindacati territoriali CGIL-CISL-UIL hanno  promosso e organizzato presidi unitari, di cui forniamo gli orari e i luoghi:

  1. CAMPOBASSO dalle ore 9,00 alle ore 13,00 presidio e sit-in  con volantinaggio davanti al palazzo del Governo di Campobasso;
  2. CHIETI, dalle ore 9,00 alle ore 12,00 davanti al palazzo della Prefettura. Nei giorni successivi l’azione di volantinaggio continuerà nei mercati rionali di Lanciano, Ortona e Vasto;
  3. L'AQUILA, dalle ore 10,30 alle ore 12,00 presidio e volantinaggio presso la Prefettura in corso Federico II;
  4. PESCARA, dalle ore 16,00 in poi, presidio e volantinaggio in Piazza Salotto - Pescara, presso l'Urban Box;
  5. TERAMO, dalle ore 8,30 alle ore 12,30 presidio e volantinaggio in piazza Martiri.

“E’ l’ennesimo tentativo della FIOM di dividere i lavoratori e i sindacati e di mettere in pericolo i rapporti unitari. Giocano in modo scorretto strumentalizzando le motivazioni della manifestazione di domani per un unico fine: quello di supportare un’iniziativa di sciopero dello straordinario che va avanti ormai da mesi, con un’adesione inferiore al 2%”,  - denunciano Maurizio Spina Segreatrio generale CISL e Domenico Bologna , Segretario della FIM CISL”.

“È impensabile che si utilizzino le ragioni della manifestazione unitaria sulle pensioni e sui giovani per motivare un sciopero diverso e separato. In nessun posto di lavoro in Italia è stato dichiarato lo sciopero da CGIL, CISL e UIL. La CGIL deve assolutamente condannare questo comportamenti irrispettosi perché mettono in pericolo le buone relazioni unitarie. La FIM e la CISL non vogliono che le persone e i lavoratori vengano strumentalizzati, ricordando che i giovani non si aiutano con lo sciopero, ma con strumenti concreti come la firma di accordi, come quello dello scorso dicembre che  ha stabilizzato oltre 306 giovani lavoratori, - concludono i Segretari CISL e FIM.”

Il Segretario Generale FIM AbruzzoMolise                   Il segretario generale CISL AbruzzoMolise

         Domenico Bologna                                                       Maurizio Spina

Condividi su...

NOTIZIE - FEDERAZIONI

    Labor TV

    La CISL AbruzzoMolise si sta adeguando al Regolamento Europeo 2016/679 in materia di protezione dei dati personali. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto