IMPRESE E SINDACATI: “BENE CONTE SULL’ALTA VELOCITÀ ROMA-PESCARA, INFRASTRUTTURA CENTRALE DEL CORRIDOIO TIRRENO-ADRIATICO”

IMPRESE E SINDACATI: “BENE CONTE SULL’ALTA VELOCITÀ ROMA-PESCARA, INFRASTRUTTURA CENTRALE DEL CORRIDOIO TIRRENO-ADRIATICO”

“Zes: l’economia esiste perché esiste lo scambio e la migliore connettività fisica permette di diversificare la provenienza delle importazioni e la destinazione delle esportazioni”

 

Pescara, 4 giugno 2020 – Le parole del premier Conte sulla volontà di realizzare l’alta velocità tra Roma e Pescara vanno nella direzione da noi auspicata: ora si passi subito dalle parole ai fatti. È positivo il commento delle associazioni imprenditoriali e dei sindacati abruzzesi sull’annuncio dato ieri, mercoledì 3 giugno, dal presidente del Consiglio, relativo all’ipotesi di rinnovamento della rete dei trasporti che interesserà anche la nostra regione.

 

“Le parole di Conte – dicono CGIL, CISL e UIL - sono di fatto il riconoscimento delle istanze di crescita territoriale che portiamo avanti da tempo, soprattutto perché l’alta capacità ferroviaria in termini di passeggeri e merci è un fattore indispensabile dell’infrastrutturazione del corridoio Tirreno-Adriatico nell’ambito delle reti Ten-t, da tempo individuato come strategico per lo sviluppo dell’Abruzzo, e su cui sono attese a breve le decisioni finali a livello europeo. Uno sviluppo che, lo ribadiamo, deve necessariamente mettere insieme snodi viari, logistici e portuali sul nostro territorio in grado di connettere velocemente est e ovest dell’Europa con la zona economica speciale (ZES), ulteriore volano di un sistema economico locale che sappia attrarre investimenti, da tempo al palo per questioni burocratiche ormai non più giustificabili.

Per questo – concludono – continueremo a tenere alta la guardia affinché gli annunci si possano concretizzare in tempi ragionevoli, continuando a sollecitare tutti i livelli istituzionali, come abbiamo fatto nei giorni scorsi scrivendo al ministro del Sud Giuseppe Provenzano”.

 

 

“Non eravamo visionari e ora tutti insieme per un unico obiettivo: portare a Bruxelles la trasversalità Barcellona - Ploce passando per Ortona. Finalmente è stata detta una parola chiara, autorevole e lungimirante sul futuro dell’Abruzzo, collocando inequivocabilmente le infrastrutture della nostra Regione al centro della politica nazionale”. Commenta così la conferenza stampa di ieri del premier Conte Silvano Pagliuca, Presidente di Confindustria Chieti Pescara, da anni in prima linea nel sostenere il rilancio delle infrastrutture come volano di crescita e la centralità dell’Abruzzo nelle reti transnazionali Ten-T.

 

CGIL, CISL e UIL con CONFINDUSTRIA CHIETI PESCARA, CNA CHIETI, CNA PESCARA, CONFESERCENTI CHIETI, CONFESERCENTI PESCARA plaudono quindi la determinazione del Governo che si pone come un fondamentale tassello di riconoscimento dell’importanza strategica dell’asse trasversale Est-Ovest, Civitavecchia-Pescara-Ortona come unico corridoio possibile del Paese.

 

Attivare il corridoio significherà per l’Abruzzo diventare la piattaforma logistica del centro Italia: il nostro aeroporto e le altre nostre infrastrutture diverranno interconnesse strettamente alla rete logistica a servizio dell’area di Roma e del Centro Italia. Ortona sarà il porto di Roma sull’Adriatico.

 

Il rilancio dell’economia abruzzese passa attraverso le potenzialità derivanti dall’alta velocità ma soprattutto di alta capacità riferita alla movimentazione di merci. Solo così la ZES sarà veramente attrattiva. Le organizzazioni firmatarie si dichiarano orgogliose del lavoro di squadra che in questi anni ha coinvolto le associazioni datoriali, sindacali, la Camera di Commercio di Chieti Pescara e le istituzioni nazionali e regionali che premia l’Abruzzo, per potenziare imprese e occupazione.

 

CGIL ABRUZZO – CISL ABRUZZO – UIL ABRUZZO

CONFINDUSTRIA CHIETI PESCARA - CNA CHIETI - CNA PESCARA – CONFESERCENTI CHIETI – CONFESERCENTI PESCARA

Condividi su...

NOTIZIE - FEDERAZIONI

    Labor TV

    La CISL AbruzzoMolise si sta adeguando al Regolamento Europeo 2016/679 in materia di protezione dei dati personali. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto