Decreto Legge “TERREMOTO”

Decreto Legge “TERREMOTO”

Cgil Cisl e Uil hanno presentato delle proposte di modifica al Decreto Legge, 29 maggio 2018, n. 55 denominato “ terremoto” in Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera dei Deputati.

I sindacati hanno espresso  la necessità che l’avvio della restituzione IRPEF sia ulteriormente prorogato a gennaio 2020, visto il perdurare della situazione di profonda precarietà e che il mese gennaio 2019 rappresenta l’avvio contemporaneo di diverse riscossioni sospese per le popolazioni colpite dal sisma.

 Nel documento unitario presentato alla Commissione, inoltre, hanno denunciato la mancata ricostruzione della realtà economica e sociale nei territori colpiti dal sisma, riservando una attenzione particolare alla mancata ricostruzione dei servizi essenziali.

Per Cgil,Cisl e Uil la prorogare del Fondo di integrazione salariale (Fis) è utile al sostegno delle piccole e delle piccolissime imprese turistiche e commerciali. Una particolare attenzione è stata riservata proprio alla questione delle imprese aquilane che si sono viste richiedere dalla Commissione Ue le risorse eccedenti la no tax area per questo i rappresentanti sindacali, hanno chiesto di aumentare la soglia del de minimis portandola a 500mila euro.

Inoltre, la norma sulla Soa impedisce alle piccole imprese di partecipare alla ricostruzione.

Nel documento poi hanno richiesto di allineare la normativa sul durc di congruità tra vecchio cratere de L'Aquila e nuovo cratere, altrimenti ci sarebbe un disallineamento anche rispetto a tutele e garanzie.

 Per quanto riguarda la sanatoria delle piccole difformità edilizie la richiesta è stata quella di evitare "la riapertura, anche se con percentuali limitati, di condoni".

 

Paolo Sangermano

Delega alla Ricostruzione post-sisma nelle zone del “cratere”

 

Condividi su...

Labor TV

La CISL AbruzzoMolise si sta adeguando al Regolamento Europeo 2016/679 in materia di protezione dei dati personali. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto