Oct04

Regione Abruzzo: agli annunci devono seguire i fatti!!!

Categories // Notizie - FP

Regione Abruzzo: agli annunci devono seguire i fatti!!!

Il Presidente della Regione, Luciano D’Alfonso,  dopo innumerevoli richieste ha finalmente incontrato le OO.SS. e le RSU dove ha esposto le sue proposte sulla riorganizzazione della Regione Abruzzo. Nel progetto politico del Governatore l’Ente deve essere proiettato a produrre servizi di qualità alla comunità abruzzese e alle imprese recuperando efficienza ed efficacia  grazie ad un processo decisionale snello e veloce che coinvolga il personale valorizzandone le competenze e le professionalità.

            “Alle affermazione di principio del Governatore sulla valorizzazione dei dipendenti regionali, attraverso un percorso di formazione e di responsabilizzazione,  devono seguire i fatti come l’assunzione di atti amministrativi che riconoscono la possibilità ai dipendenti della regione di accedere ad un percorso di carriera giuridico ed economico, - così Vincenzo Traniello commenta l’esito dell’incontro sindacale- .

            Sui tagli, annunciati, alle esternalizzazione, alle consulenze e ai supporti tecnici che, spesso hanno soppiantato le compente e le prerogative del personale strutturato, la Cisl FP non può che apprezzare questa inversione di rotta della Giunta regionale. Consulenze, esternalizzazione e supporti tecnici che spesso non hanno portato alcun valore aggiunto all’Ente regione ma hanno costituito uno spreco di risorse economiche.

            “Una volta per tutte la CISL FP vuole affermare con chiarezza che il welfare aziendale non è un “regalia” della Giunta regionale, ma è un istituto previsto esplicitamente dai contratti collettivi nazionali dei dipendenti pubblici. “L’Amministrazione regionale, pertanto, non può non adottare in tempi brevi la delibera relativa ai benefici assistenziali dei dipendenti, ulteriore ritardo nei fatti rappresenterebbe una mancanza di attenzione che può essere intesa come un ostracismo nei confronti del personale”, - chiarisce e chiede il Segretario Traniello.

            “Non abbiamo alcune pregiudizio nei confronti dei direttori dei dipartimenti ai quali il Governatore ha espresso la volontà di aumentare la retribuzione, ma qual’ora non si raggiungessero gli obiettivi assegnati questi devono essere rimossi dal loro incarico, - sottolinea il Segretario della Funzione Pubblica dell’Abruzzo e del Molise”.

             “L’incontro di ieri deve costituire una svolta tra sindacati ed RSU e Amministrazione Regionale. Solo gli atti amministrativi, le nuove relazioni sindacali e le scelte, che verranno approvati nelle prossime settimane e nei prossimi mesi,testimonieranno e segneranno il nuovo percorso per  la Regione Abruzzo e i suoi dipendenti archiviando definitivamente il passato”, - ha concluso Traniello.

 

               

Condividi su...

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto