Nov24

Megaparcheggio Collemaggio: richiesta cassa integrazione per i lavoratori della “M&P”

Categories // Notizie - FIT

Megaparcheggio Collemaggio: richiesta cassa integrazione per i lavoratori della “M&P”

La società M&P, che gestisce il megaparcheggio di Collemaggio dell'Aquila, ha comunicato alle organizzazioni sindacali il ricorso alla cassa integrazione per tutti i 20 dipendenti. Una decisione motivata con la mancanza di liquidità, che non consente all'azienda di provvedere al regolare pagamento delle spettanze retributive”. Ad affermarlo sono Angelo De Angelis, segretario Fit-Cisl della provincia dell'Aquila e Domenico Fontana, segretario provinciale Filt-Cgil. “La situazione è pesante”, sottolineano De Angelis e Fontana, “l'azienda aquilana, che prima del sisma del 2009 gestiva tutti i parcheggi a pagamento della città, oltre al terminal “Lorenzo Natali”, ha accumulato un ritardo di tre mesi nel pagamento degli stipendi alle maestranze. Nell'ultimo incontro con i sindacati i responsabili della M&P hanno fatto richiesta di un nuovo periodo di cassa integrazione, che si somma a quello già avviato, dopo il terremoto, quando è stata sospesa la convenzione con il Comune dell'Aquila per la gestione delle strisce blu. Il ricorso alla cassa preoccupa fortemente, come il futuro delle maestranze: a pagare il rimpallo di competenze tra l'azienda e l'ammistrazione comunale, sulla mancata riattivazione dei parcheggi a pagamento, con tutti i servizi correlati, compreso il tapis rulant meccanizzato, sono solo i lavoratori, che vivono una situazione di estrema incertezza”. Cisl e Cgil individuano nel ripristino dei parcheggi a pagamento “una soluzione che può garantire continuità lavorativa alle maestranze della M&P, alla luce della situazione economica poco florida in cui si trova l'azienda”. “Chiediamo all'amministrazione comunale e ai responsabili della M&P di prendere una posizione chiara e definitiva su una vertenza che si trascina da troppo tempo”, concludono De Angelis e Fontana, “procedendo o alla riattivazione della concessione o alla rescissione definitiva della stessa, senza ulteriori tentennamenti. Va fatta chiarezza, infine, su evenntuali contenziosi economici sorti tra l'azienda e il Comune, per sgombrare il campo da qualsiasi ulteriore proroga delle decisioni che vanno assunte rapidamente, a tutela delle maestranze”.

 

Monica Pelliccione

Ufficio Stampa Cisl della provincia dell'Aquila

 

Condividi su...

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto