Sep19

Manca una programmazione della riorganizzazione della Regione Abruzzo

Categories // Notizie - FP

Manca una programmazione della riorganizzazione della Regione Abruzzo

Le OO.SS. e la RSU della Regione Abruzzo stigmatizzano l’atteggiamento dilatorio e irrispettoso dell’amministrazione regionale nei confronti dei rappresentanti sindacali eletti legittimamente dai lavoratori.

Le relazioni sindacali nell’Ente regionale non hanno mai raggiunto livelli cosi bassi. “Oggi, - denunciano le OO.SS.  e le RSU-,  l’informazione sindacale avviene attraverso l’invio di mail o di delibere già approvata senza nessun confronto!”.

La riorganizzazione della Regione Abruzzo avviene per iniziativa di questo o quel dipartimento, come una repubblica indipendente, senza una seria programmazione  delle attività e delle funzioni svolte dall’Ente al servizio dei cittadini. L’assenza di una programmazione politica sta creando una serie infinita di ritardi e disservizi che ricadono sui cittadini, i dipendenti e le imprese. Il danno causato, soprattutto nel caso dell’uso delle risorse comunitarie, non è misurabile!

Un impasse istituzionale generato anche dalle politiche nazionali sul futuro dei Centri per l’impiego, sui livelli essenziali delle prestazioni e sull’accreditamento dei servizi al lavoro.

“E poi, - continuano le Organizzazioni Sindacali e le RSU -, non conosciamo le risorse a disposizione per fare una valutazione delle priorità dell’azione regionale, visto il ritardo “storico”di approvazione dei bilanci consuntivi per effetto dei quali la stessa programmazione, ancorché frazionata, subisce sistematicamente incertezze e revisioni”. 

            In questi ultimi anni, i dipendenti regionali hanno visto continuamente assottigliato, se non addirittura dimezzato, il salario accessorio, nonostante la riorganizzazione dell’ente Regione e il potenziamento dei servizi consentissero, in base alle norme vigenti, l’implementazione delle risorse variabili destinate alla produttività. 

“Non c’è stata la volontà politica da parte dell’amministrazione di andare a remunerare, attraverso il salario accessorio, l’aggravio dei carichi di lavoro subiti dal personale anche a seguito del trasferimento delle funzioni dalle Province”. 

Le OO.SS. e la RSU chiedono la convocazione urgente di un tavolo di confronto politico con la presidenza della Regione per ripristinare una corretta gestione del confronto sindacale e il rispetto degli impegni già assunti. Inoltre, esigono l’applicazione degli accordi sottoscritti (welfare aziendale, pagamento delle indennità, etc…) e la definizione delle risorse disponibili per i fondi 2017. 

“Non è nostra intenzione sottrarci al confronto con la delegazione di parte pubblica per gli aspetti tecnici e normativi ma è prioritario un chiarimento di natura politico-sindacale su tutti gli obiettivi che riguardano il personale dell’ente, - hanno concluso i sindacalisti- ”.

 

I Segretari Regionali CGIL-FP, CISL-FP, UIL-FPL, UGL e la RSU Regione Abruzzo

               

Condividi su...

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto