May27

Fim- Cisl: “150 lavoratori ex Finmek penalizzati dall'Inps”

Categories // Notizie - FIM

Fim- Cisl: “150 lavoratori ex Finmek penalizzati dall'Inps”

Da gennaio 2016 ad oggi, 150 lavoratori della Finmek Solution, attendono la riliquidazione della pensione da parte dell'Inps e l'adeguanto della stessa sulla base della legge di Stabilità 2015, con cui il Governo ha abolito le penalizzazioni delle pensioni, dal 2% al 6%, per i lavoratori che, nell'arco della loro vita professionale, sono stati posti in cassa integrazione e mobilità”. A denunciare gravi e ingiustificati ritardi da parte dell'Inps nazionale e locale, è la Fim-Cisl della provincia dell'Aquila. “Il Governo”, spiega Giampaolo Biondi, della Fim- Cisl, “con la legge di Stabilità 2015, ha abolito le penalizzazioni sulle pensioni, ma i lavoratori che sono andati in pensione dall'1 gennaio 2012 ad oggi, non si sono visti applicare tale norma. Sono stati tagliati fuori, con la pensione ridotta. Il Governo, con la legge di stabilità 2016, è ritornato sul tema abolendo le penalizzazioni stabilte dalla Legge Fornero”. Secondo la Fim- Cisl, “nonostante il parziale correttivo, ai pensionati in questione, non sono stati riconosciuti gli arretrati maturali dal 1012 al 2014”. “La questione riguarda”, afferma Biondi, “in particolare 150 lavoratori della Finemk Solution, che attendono ancora la riliquidazione della loro pensione. Ancora più grave l’atteggiamento di lassismo dell’I.N.P.S. che ha emesso la circolare attuativa n°45 della direzione generale il 29 /02/2016 , rimasta ad oggi ancora inapplicata”. La Cisl annuncia, se non verrà risolto il problema, una manifestazione davanti alla sede Inps dell'Aquila con la prtecipazione dei lavoratori penalizzati, ai quali ancora non sono stati riconosciuti gli arretrati e che da gennaio aspettano l’applicazione dellaa legge.

 

 

Monica Pelliccione

Ufficio Stampa Cisl della provincia dell'Aquila

 

 

Condividi su...

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto