Ago18

MOLISE: CARENZA DI MANODOPERA IN AGRICOLTURA

Categories // Notizie - Categorie, Notizie - FAI

16-06-2015 - Fonte: inas.it

MOLISE: CARENZA DI MANODOPERA IN AGRICOLTURA

In riferimento alle carenze di manodopera in agricoltura e nello specifico per quanto attiene la raccolta del pomodoro, ed in riferimento alla richiesta, di un tavolo di confronto, formulata da parte degli Assessori dell’agricoltura di Campania, Puglia, Basilicata e Molise, al Ministro Patuanelli, elencando le criticità del settore e le eccezionali condizioni meteorologiche che ha comportato una rapida e contemporanea maturazione del pomodoro, ci corre l’obbligo di formulare alcune considerazioni.
Per quanto riguarda la Regione Molise, a nostro avviso la carenza di personale non è da attribuirsi solo alla questione del reddito di cittadinanza ma anche al salario medio giornaliero dei braccianti, ricordiamo che il Molise e tra le regioni Italiane ad avere il salario più basso in agricoltura in quanto lo stesso è regolamentato dai contratti provinciali o come nel nostro caso dal contratto regionale oramai scaduto.
Auspichiamo, che ha breve, così come richiesto, alle associazioni di rappresentanza dei produttori, Coldiretti, Cia e Confagricoltura si possa dar avvio all’apertura del tavolo di confronto per il rinnovo del contratto Regionale per l’agricoltura e trovare il giusto equilibrio tra le parti al fine di riallineare il salario dei braccianti Molisani con la media salariale Nazionale, così come riteniamo fondamentale dar seguito alla costituzione dell’Ente Bilaterale Agricolo Molisano, strumento di ulteriore integrazione per il reddito dei braccianti, ma nello stesso tempo strumento di analisi e monitoraggio del mercato del lavoro agricolo e dell’eventuale lavoro nero o del caporalato.
Altro aspetto cruciale è che al prodotto agricolo sia riconosciuto il giusto prezzo di mercato, e che il prezzo di vendita non sia dettato solo dal mercato ma che lo stesso tenga conto dei reali costi di produzione che devono affrontare le imprese agricole, in modo da consentire agli stessi anche ammodernamenti tecnologici e ulteriori forme di riconoscimento salariale per i bracciati.
Bene la richiesta formulata dagli Assessori per un tavolo di confronto con il Ministro Pattuaneli, ma oltre il confronto con il Ministero riteniamo fondamentale che sia dato seguito anche a quanto sopra illustrato, al fine di rafforzare e rendere attrattivo il lavoro in agricoltura contribuendo così a diminuire la carenza di manodopera nel sistema agricolo Molisano.
Campobasso, 18/08/2021
FAI-CISL Abruzzo Molise FLAI-CGIL Molise UILA-UIL Molise
Franco Pescara / Raffaele De Simone Florinda Di Giacomo Raffaele Primiani

 

 

Condividi su...

La CISL AbruzzoMolise si sta adeguando al Regolamento Europeo 2016/679 in materia di protezione dei dati personali. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto