May05

FIR Cisl Abruzzo-Molise: Gaetano Valentini confermato Segretario generale

Categories // Notizie - Categorie, Notizie - FIR

FIR Cisl Abruzzo-Molise: Gaetano Valentini confermato Segretario generale

All'ombra dello splendido scenario del Gran Sasso, all'interno dei Laboratori Nazionali dell'INFN si è svolto il IV Congresso Interregionale FIR CISL AbruzzoMolise.
All’assemblea ha partecipato il Segretario Generale Usi Cisl AbruzzoMolise, Maurizio Spina e il Segretario
Generale della FIR nazionale, Giuseppe De Biase.

Nella relazione introduttiva il segretario della FIR CISL AbruzzoMolise  ha fatto un escursus sulla
situazione internazionale, nazionale e dei nostri territori. Sono  seguiti gli interventi del Segretario Spina, del Segretario De Biase che hanno presentato il lavoro svolto dal  sindacato a livello territoriale e per la Ricerca Nazionale. Di seguito si è aperto il dibattito, risultato molto  vivo.

Quattro anni sono passati eppure dobbiamo continuare ad occuparci della  crisi, dei suoi continui attacchi e dei profondi cambiamenti sociali.

Il rapporto Eurispes 2017 evidenzia che il 50% delle famiglie non  arriva alla “fine del mese”, tagliando
addirittura le spese sul cibo e medicinali. Bisognerebbe attivare una  politica redistributiva attraverso nuovi investimenti, aumenti salariali, riforme fiscali, rafforzamento  del walfare; laddove certo le finanze lo permettono.

A livello internazionale dobbiamo registrare delle novità che pochi si  sarebbero aspettate. In primis un inasprimento del conflitto in medio-oriente e in vaste zone dell’Africa  ha portato una profonda ed incerta instabilità. Saranno cruciali le prossime chiamate elettorali nei vari  grandi stati europei. L’Europa rischia la disgregazione, ma l’unica possibilità per la sua sopravvivenza è un suo
ripensamento dal punto di vista politico, economico, sociale, di regole  e di appartenenza. Nessuno oggi dice: “sono europeo”.

Come ciliegina sulla torta abbiamo una situazione interna non meno  problematica. La costanza dell’incertezza politica è l’unica nostra certezza. Siamo passati attraverso un  referendum sulla riforma costituzionale, che ha visto un’ottima partecipazione ma che ha bocciato la proposta a
larga maggioranza.
Altra batosta si è avuta il 25 gennaio scorso, allorché la Corte  Costituzionale ha bocciato la legge elettorale chiamata Italicum nella parte che si richiamava al doppio turno. La legge “rivista” rimasta in
vigore pone due problematiche: una differenza troppo netta tra l’elezione della Camera e del Senato, e la non efficacia nella risultanza di una maggioranza che possa guidare un Governo visto il suo
sistema proporzionale puro.

Per le nostre regioni, Abruzzo e Molise, oltre alle solite problematiche si sono aggiunte le calamità naturaliche a partire dal 2009 all’Aquila fino ai giorni d’oggi ci mettono ancora maggiormente in difficoltà. Credo che l’esperienza di molti nostri corregionali che hanno passato giorni in casa bloccati dalla neve, senza luce e durante uno nuovo sciame sismico sia da non augurare neanche al peggior
nemico. A quando le cavallette?
Un articolo apparso sul sito dell’INAF Osservatorio Astronomico di  Teramo aveva nel suo titolo: “Nonostante tutto!”. Fra maltempo, blackout  e scosse sismiche, è stata una settimana molto difficile, quella appena  trascorsa, per i dipendenti dell’Osservatorio Astronomico di Teramo.
Alcune cose erano previste. Alcune no. Ma le attività sono proseguite  con l’intensità di sempre. Con l’intensità di sempre, anzi aumentando gli sforzi siamo chiamati a ripartire. La CISL su questo non si è mai tirata, non si tira e non si tirerà mai indietro.

Anche noi come FIR siamo chiamati alla collaborazione. L’Abruzzo deve  ritrovare la sua vocazione per ripartire. Ad esempio ripartire dalle sue  ricchezze. La bellezza della nostra regione è andata alla ribalta
internazionale grazie all’Huffington Post che l’ha inserita fra le dieci  località migliori per qualità di vita.

A livello nazionale sono tanti i risultati ottenuti dalla FIR CISL. Se solo pensiamo ad un anno addietro ci ritroviamo oggi in uno scenario  positivamente nuovo. Le parti sociali sono tornate protagoniste in tanti  tavoli di trattativa e tante sono le pagnotte riportate a casa:
•    intesa sui rinnovi dei contratti sul pubblico impiego;
•    la legge 218/2016 (legge Madia);
•    testo unico sul pubblico impiego approvato da Governo il 24 febbraio
scorso;
•    decreti attuativi della riforma pensionistica attesi a breve;

La FIR, forte della propria peculiarità imprescindibile del suo  settore, si batterà sempre per il riconoscimento della valenza strategica della ricerca, anche se inserito all’interno del nuovo comparto di contrattazione (Scuola, Università e Ricerca).

Apprezziamo e forniamo pieno sostegno al Segretario Generale della CISL  Annamaria Furlan, per l’operato politico/strategico messo in atto e per  il lavoro svolto finalizzato ad una corretta e coerente gestione delle risorse economiche e del tesseramento, a garanzia della storia della
CISL, dei suoi iscritti e della democrazia interna. Il nostro futuro non  può che passare nell’essere un sindacato responsabile, nella vicinanza  ai nostri iscritti, nella formazione della cultura sindacale delle
donne, degli uomini e dei giovani, e nella rappresentanza attiva in ogni  posto di lavoro.

Condividi su...

Leave a comment

You are commenting as guest.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto