Solo grazie a grandi investimenti l’Abruzzo potrà ritornare a crescere

Solo grazie a grandi investimenti l’Abruzzo potrà ritornare a crescere

L’ Abruzzo perde 17 mila occupati e 74 mila abruzzesi sono alla ricerca di un lavoro. Sono aumentate le famiglie a rischio di povertà o esclusione sociale;   cresce il divario economico e sociale  con le regioni del Nord, ma secondo gli ultimi valori  trimestrali dell’Istat, l’Abruzzo perde colpi anche rispetto a  quelle del Mezzogiorno.

Gli indicatori rielaborati dall’Aps M. Ciancaglini della CISL ci segnalano un calo delle persone occupate: siamo passati dalle 481  mila del primo trimestre 2016 alle 464 mila dello stesso periodo del 2017. Il tasso di occupazione è sceso nell’ultimo anno di quasi un punto e mezzo, ma se si amplia il margine di confronto la situazione è drammatica. L’indice si allontana sempre di più dagli obiettivi della strategia Europa 2020. Oggi il rapporto percentuale tra  gli occupati e la popolazione attiva è pari al 53,8 contro il 59,8 del 2008.

Scendono gli occupati e aumentano, di 4 mila unità, i disoccupati. Sono raddoppiate dal 2008 le persone che cercano un lavoro. Il tasso di disoccupazione è ritornato ai valori del 2013 toccando il 13,7. Oramai i valori ad un cifra decimale sono sempre di più un miraggio per l’indicatore della disoccupazione.

“Stiamo ancora pagando i disagi e le difficoltà causate dalle disgrazie del maltempo e del terremoto che hanno colpito l’Abruzzo all’inizio dell’anno. Quella ripresa che ci aspettavamo non è arrivata. È necessario agire subito con politiche attive per adottare misure a sostegno del mercato del lavoro abruzzese. Dobbiamo scongiurare il pericolo che il 2017 non si riveli l’ennesimo anno con più ombre che luci dopo i precedenti effettivamente disastrosi per la situazione economica ed occupazionale”, - dichiara il Segretario della CISL Leo Malandra.

Sono l’industria e l’agricoltura i settori più colpiti dalla crisi nonostante negli ultimi anni si sia riaccesa la speranza  di un piccolo rilancio.  Migliora invece la situazione nell’edilizia, nel commercio e nei servizi. L’apparato produttivo  stenta a ritornare ai livelli pre-crisi e il sistema economico non è competitivo, è in ritardo nell’innovazione e in deficit in termini di investimenti pubblici e privati in “ricerca e sviluppo”, nonostante le grandi aziende multinazionali.

Secondo il rapporto dell’Inps sul precariato le assunzioni a tempo indeterminato sono in una fase di preoccupante stagnazione. Poco più di 6 mila contratti nei primi tre mesi del 2017, quasi la metà rispetto allo stesso periodo del 2015, l’anno degli sgravi contributivi del Jobs act.  Le aziende tornano a prediligere i rapporti di lavoro a tempo determinato. “E’ un ulteriore segnale per ricordare ai nostri politici che per creare occupazione stabile è necessario garantire politiche di incentivi stabili per le imprese, che incidano in maniera reale sul costo del lavoro”.

 “L’abbiamo detto più volte, - continua Malandra -, la timida ripresa registrata l’anno scorso non è stata sufficiente per ritornare a crescere.   Il mercato del lavoro è debole, non riesce a recuperare i valori del 2008 e il mondo imprenditoriale continua ad avere problemi: le grandi imprese, maggiormente presenti sui mercati esteri, hanno continuato a registrare tassi di crescita più elevati rispetto alle aziende di minore dimensione,  grazie ad un buon andamento delle esportazioni.

 “Da dove ripartire? Secondo il Professore  Giulio Sapelli, - menziona Malandra –,  l’Abruzzo deve ripartire dal lavoro, dalla grande occupazione, dalle industrie. Ma tutto il sistema, con l’agricoltura, l’edilizia, il  turismo ed servizi, potrà funzionare e tornare produttivo solo se alimentato ed  incentivato da grandi investimenti,  in idee e risorse, pubbliche e private. Solo così sarà possibile creare nuova occupazione, contrastare il disagio  sociale ed  eliminare quelle disuguaglianze create proprio dalla deindustrializzazione dei nostri territori”.

Cgil, Cisl e Uil, subito dopo le calamità naturali, hanno proposto un documento unitario contenente 10 priorità non esaustive, dei problemi da affrontare con proposte per uno sviluppo equilibrato del territorio. “Il decalogo costituisce, - secondo il sindacalista della CISL -,  la base della "Vertenza Abruzzo" e proprio su questi punti si deve sviluppare un confronto duraturo e costante con la Regione Abruzzo, che deve essere incalzata nell’attuazione e anche nella rimodulazione e nella ripianificazione,  degli atti di programmazione già emanati in diversi settori di intervento: Masterplan, Patto per l'Abruzzo, Carta di Pescara, Riqualificazione del Sistema Socio Sanitario, Politiche Attive del Lavoro, Ammortizzatori sociali”.

“Alla luce della nuova fase che sta vivendo,-  incalza Leo Malandra- , l’Abruzzo ha bisogno di ulteriori risorse economiche. Dobbiamo rafforzare i momenti di dialogo e di collaborazione concreta tra le istituzioni, la politica ed il sindacato per favorire scelte riformatrici responsabili, orientate verso il tema degli investimenti pubblici e privati in ricerca ed innovazione:  sono questi  i veri fattori che possono ridare competitività all’Abruzzo", ha concluso il neo Segretario della CISL AbruzzoMolise ".

 

Il Segretario Generale    Leo Malandra

Condividi su...

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto