La Cisl si confronta: intesa con il Governo, pensioni e lavoro

La Cisl si confronta: intesa con il Governo, pensioni e lavoro

"Senza la scelta di proseguire il confronto con il Governo,  i 300 milioni stanziati sulla previdenza che si sommano ai 7 miliardi dello scorso anno sull'Ape social, avrebbero preso altre strade.  Noi invece i risultati vogliamo portarli a casa, lavoriamo concretamente per le persone, per i delegati, per la nostra gente."   Così ha esordito  la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, intervenendo ieri all'Assemblea interregionale della Cisl del Lazio, Marche, Abruzzo e Molise, convocata per discutere direttamente con i lavoratori dei risultati ottenuti nell'ultimo  confronto con il Governo.           

            All'Auditorium Antonianum, davanti ad oltre mille lavoratori, delegati, pensionati, disoccupati, giovani e donne (la metà provenienti dall'Abruzzo e dal Molise), la segretaria ha proseguito:              Abbiano ottenuto lo sblocco della contrattazione per i lavoratori della PA, l'accoglimento dentro la finanziaria del progetto contro la povertà, l'intesa sulla previdenza con il blocco dell'innalzamento dell'età pensionabile e abbiamo condiviso la scelta sulla decontribuzione del 50% al nord e del 100% al sud per il lavoro giovanile, vera priorità del Paese".

            Molto soddisfatto dell'esito della giornata il segretario generale della Cisl Abruzzo Molise Leo Malandra:  “La nostra organizzazione  ha messo al centro  della sua azione  la difesa del lavoro,  la creazione di nuove opportunità per i giovani  ed il superamento delle regole inique della legge Fornero.            All'assemblea odierna erano presenti centinaia di lavoratori abruzzesi e molisani.   Non siamo ancora soddisfatti, vogliamo adesso confrontarci, in tutte le sedi,    con i lavoratori, i disoccupati, i pensionati, i giovani,  le donne e gli  immigrati della CISL  per spiegare le ragioni del nostro giudizio positivo sull’intesa nazionale che modifica e integra il Jobs act e la legge di stabilità in via di approvazione.

       Lo sciopero e lo scontro non aiutano  a farci uscire dalla crisi,  non serve fermare il Paese;” - continua Malandra -  è invece  necessario un confronto serio con tutta la politica e con il Governo. L’approvazione da parte della commissione Bilancio del Senato dell'emendamento sulle pensioni, che recepisce proprio il contenuto dell'intesa sottoscritta lo scorso 21 novembre con il sindacato, è un primo risultato fondamentale per iniziare un processo di riforma.     Sono tante le cose da cambiare, ma per farlo c'è bisogno di un'azione svolta con continuità e costanza. La Cisl sta proseguendo il confronto con i gruppi parlamentari della Camera e Senato, in attesa dell’approvazione definitiva di tutto il pacchetto pensioni e della Legge di Bilancio.

“Solo attraverso un dialogo costruttivo possiamo ricercare e concordare soluzioni per il lavoro e l’equità sociale. Vogliamo ridare fiducia e speranza alle persone in difficoltà economica. Il lavoro è una priorità, una scelta centrale che Regione e Governo sono chiamati a sostenere. Bisogna far ripartire la crescita, creando nuove opportunità di lavoro e favorendo  con ogni mezzo la  ripresa del sistema produttivo, - afferma Malandra “.

Leo Malandra

Segretario generale                                                                           

                                                        

Condividi su...

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto