Sep22

Vertenza Olicar: Fim-Cisl : “Pronti allo sciopero”

Categories // Notizie - FIM

Vertenza Olicar: Fim-Cisl : “Pronti allo sciopero”

Si è svolto ieri, nella sede della Prefettura, all'Aquila, un incontro alla presenza della proprietà della Olicar e delle organizzazioni sindacali per esperire il tentativo di raffreddamento della procedura aperta nei confronti della società che gestisce l'appalto di manutenzione in tutti i presìdi ospedalieri della Asl Avezzano-Sulmona-L'Aquila. 90 i lavoratori coinvolti nella vertenza, che operano su tutto il territorio provinciale. “La Olicar”, spiegano Gino Mattuccilli e Antonello Tangredi, segretari Fim-Cisl della provincia dell'Aquila, “è investita da una crisi finanziaria pesante, che non consente all'azienda di far fronte al regolare pagamento degli stipendi. A settembre i lavoratori hanno ricevuto in busta paga solo un acconto di 350 euro, relativo alla mensilità di agosto; i vertici aziendali hanno paventato, in sede di confronto in Prefettura, criticità anche per lo stipendio di settembre”. I sindacati spiegano che “molti dei lavotarori della Olicar sono monoreddito e necessitano di un regolare introito mensile. Abbiamo stabilito”, annunciano Mattuccilli e Tangredi, “di avviare un'azione di lotta con un primo incontro in Prefettura, che non ha sciolto tutti i dubbi. Dall'1 ottobre avvieremo una serie di assemblee con i dipendenti della Olicar impiegati negli ospedali dell'Aquila, Avezzano, Sulmona e Castel di Sangro, per decidere le azioni da intraprendere, non escluso il ricorso allo sciopero”. La Olicar è subentrata a gennaio 2013 a un gruppo di società che gestivano la manutenzione negli ospedali della Asl aquilana, “ma da subito sono emerse le prime difficoltà”, conclude la Fim-Cisl, “con ritardi nel pagamento degli stipendi e la cancellazione, quest'anno, dal premio di risultato”.


Monica Pelliccione

Ufficio Stampa Cisl della provincia dell'Aquila

Condividi su...

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto