Oct20

Vertenza Cementir-Sacci: presidio dei lavoratori davanti alla Regione

Categories // Notizie - FILCA

Vertenza Cementir-Sacci: presidio dei lavoratori davanti alla Regione

Presidio dei circa 90 lavoratori dello stabilimento “Cementir- Sacci” di Cagnano Amiterno, che questa mattina, dalle 8 alle 11, hanno protestato davanti alla sede della Regione, all'Aquila. Le maestranze e le rappresentanze sindacali sono state ricevute dal vice presidente della Regione, Giovanni Lolli, per illustrare le motivazioni della vertenza. “La Cementir- Sacci ha aperto una procedura di licenziamento per 260 dipendenti a livello nazionale, di cui 17 nel sito di Cagnano Amiterno”, spiegano Pietro Di Natale, segretario Filca – Cisl Abruzzo e Paolo Sangermano, segretario Cisl della provincia dell'Aquila, “licenziamenti inaccettabili, in quanto il presupposto per il rilevamento del gruppo Sacci da parte della Cementir, avvenuto a luglio scorso, prevedeva il rinnovo della concessione mineraria della cava, in scadenza. Concessione rilasciata dalla Regione Abruzzo a condizione che lo stabilimento aquilano mantenesse intattii livelli occupazionali. Con l'avvio della procedura di licenziamento, l'azienda è venuta meno agli impegni presi nei confronti della Regione, del Comune di Cagnano Amiterno e, soprattutto, dei lavoratori”. Di Natale e Sangermano fanno sapere che “la Regione si è impegnata a convocare immeditamente il gruppo Caltagirone, proprietario della Cementir- Sacci, per chiedere il blocco dei licenziamenti, la tutela nel tempo dei posti di lavoro e la prosecuzione dell'attività nel cementificio aquilano”.

 

Monica Pelliccione

Ufficio Stampa Cisl della provincia dell'Aquila

 

Condividi su...

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto