Apr20

” CONTRASTIAMO LA VIOLENZA E LA DISPARITA’ VERSO LE DONNE, NEI LUOGHI DI LAVORO E NON…”

Categories // Notizie - Categorie, Notizie - Fisascat

” CONTRASTIAMO LA VIOLENZA E LA DISPARITA’ VERSO LE DONNE, NEI LUOGHI DI LAVORO E NON…”

La FISASCAT CISL ABRUZZO MOLISE, difronte allo stillicidio quotidiano del fenomeno legato alla violenza e disparità verso le donne, negli ambienti di lavoro, ma anche nella vita sociale e familiare, si pone il problema di come dare sempre più tutele, oltre a quelle contrattuali e normative,  alle donne lavoratrici, che a vario titolo ed in varie forme vivono il dramma incomprensibile ed anacronistico dei tempi che viviamo.

La FISASCAT, rifletterà con una Tavola Rotonda dal tema” CONTRASTIAMO LA VIOLNZA E LA DISPARITA’ VERSO LE DONNE, NEI LUOGHI DI LAVORO E NON…” che si è svolto venerdì 20 aprile 2018, presso l’Hotel Hermitage  di Silvi Marina.

La Fisascat, è la Federazione della CISL, che rappresenta uno spaccato del mondo del lavoro e dei servizi a forte presenza femminile, dal commercio tradizionale, alla Grande distribuzione organizzata, le imprese di pulimento e multiservizi, la cooperazione sociale, ecc..

Un settore, in cui, come si evince anche da recenti dati dell’ISTAT, il tema della violenza e della disparità è ad ampio raggio e si manifesta, non solo sotto l’aspetto dei comportamenti scorretti e persecutori di genere, ma anche e spesso attraverso l’impossibilità, per la donna, di affermare la propria personalità, professionalità, ma più in particolare, la difficoltà a conciliare l’esigenza della vita lavorativa con quella personale e familiare.

Le Regioni dell’Abruzzo e Molise, dall’ indagine ISTAT, emerge che non sono immune da questi fenomeni, addirittura, tra le donne comprese nella fascia 14-65, si riscontra che in Abruzzo il 36,2 % nel corso della loro vita ha subito molestie  o ricatti. Invece negli ultimi 3 anni la media, pari al 20,3%, è drasticamente aumentata portando l’Abruzzo tra le prime regioni, in una classifica nazionale il cui valore è nettamente superiore alla media delle altre regioni, pari al 15,7%, mentre, il 22,4 % delle donne molisane, dai 14 ai 65 anni, nel corso della loro vita lavorativa ha subito violenze e circa il 10,5% nel periodo che va dal 2013 al 2016.

 

Le violenze nei luoghi di lavoro, spesso, purtroppo, non sono dovute a comportamenti maschili, ma anche a rappresentanti del mondo femminili, che laddove ricoprono ruoli chiave e dirigenziali, non mettono le lavoratrici in condizione di conciliare vita e lavoro, evidenziando un problema di natura “culturale”.

 

Sono questi, fenomeni che spesso non emergono, se non per fatti di cronaca e per questo, la FISASCAT, intende lanciare un grande progetto definito ”SPORTELLI DI ASCOLTO”, con l’intento di dare alle tante lavoratrici in stato di bisogno, attraverso le rappresentanze nei luoghi di lavoro, un servizio di collegamento con le Istituzioni preposte e con  servizi di sostegno, propri del Sindacato, per affrontare le difficoltà e farle emergere.

 

Alla Tavola rotonda, moderata da Maria PALLOTTA, SEGRETARIA Interregionale della CISL AbruzzoMolise, si sono susseguiti gli interventi di:

  1. Loris DI VITTORIO, Direttore Consultorio Familiare UCIPEM, Pescara;
  2. ssa Sonia DI NACCIO, Coordinatrice Regionale Impresa donna

          CONFESERCENTI  ABRUZZO;

  1. Daniela RENISI, presidente Terziario Donna CONFCOMMERCIO

         PESCARA;

  1. ssa Elena MARIA VANELLI Coordinatrice Nazionale donne FISASCAT CISL NAZIONALE.

 

I lavori della giornata sono stati aperti dal Segretario Generale FISASCAT CISL ABRUZZO MOLISE, Leonardo PICCINNO e Antonella SCARDETTA Coordinatrice Interregionale Donne Fisascat CISL, Abruzzo Molise, oltre a testimonianze di lavoratrici di aziende delle due Regioni.

 

 

 

                                                             IL SEGRETARIO GENERALE

                                                               - Leonardo PICCINNO -       

                                                                           

 

 

Condividi su...

La CISL AbruzzoMolise si sta adeguando al Regolamento Europeo 2016/679 in materia di protezione dei dati personali. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto