May05

Vincenzo Zangardi si conferma responsabile Adiconsum Abruzzo

Categories // Notizie - Adiconsum

Vincenzo Zangardi si conferma responsabile Adiconsum Abruzzo

Oggi si è svolto a Pescara il Congresso dell’Associazione Abruzzo a difesa dei Consumatori e Ambiente promossa dalla CISL che ha rieletto come Presidente Vincenzo ZANGARDI, alla presenza del Segretario nazionale Adiconsum, Luca BRAGGION.

L’Adiconsum Abruzzo  è da sempre attenta alle problematiche dei consumatori in tutte le sue vesti. Il suo scopo è quello di dare  risposte ai cittadini/consumatori. L’Adiconsum  negozia e concerta condizioni di difesa individuale e collettiva dei consumatori per il contrasto e l’eliminazione delle vessazioni, delle pratiche commerciali scorrette, delle truffe che si susseguono incessantemente da aziende senza scrupoli.  Lavora in stretta sinergia con le Authority e con le Istituzioni che fanno della tutela del consumatore una vera e propria missione.

“Siamo portatori di interessi collettivi dei consumatori in una società dove i cittadini non hanno tutti le stesse possibilità di essere informati, tutelati e rappresentati. Con le nostre attività, numerose e poliedriche, cerchiamo di dare risposte ai  disservizi generati da un mondo, oggi sempre più digitale, e dall’assenza di uno Stato che è ancora burocrate e che dovrebbe promuovere e responsabilizzare l’associazionismo, la cooperazione, il volontariato”, - ha sottolineato ZANGARDI nella sua relazione introduttiva che ha aperto i lavori della giornata.

“È necessario superare l’individualismo ed essere attori sociali nei territori, perché viviamo in un contesto complesso e globalizzato che richiede di lavorare in coordinamento con le altre associazioni per fornire servizi diretti e mirati ma soprattutto una tutela rafforzata e collettiva dei consumatori. Una tutela reale, per promuovere programmi di sviluppo, capaci di incrementare, assieme ai consumi, anche regole condivise di correttezza, trasparenza dei rapporti e scelte sempre più consapevoli dei cittadini/consumatori”.

I consumatori sono sempre più digitali e social: acquisti e servizi online, viaggi e vacanze, informazioni direttamente da siti web, Facebook, Twitter e altri social network. Questo accresce il divario tra chi ha accesso effettivo alle nuove tecnologie dell'informazione, personal computer e internet,  e chi ne è escluso, in modo parziale o totale. “Il Digital Divide può vederci protagonisti: nella diffusione delle informazioni, nella partecipazione come stakeholder, .

Per l’Adiconsum - le associazioni dei consumatori nella società civile devono occupare un ruolo di promozione e tutela in grado di supportare interessi individuali, diffusi e collettivi.

Nel territorio abruzzese Adiconsum lavora su tre azioni: l’informazione, la tutela collettiva, e la tutela individuale e consulenza. Adiconsum d’intesa con il Mise e la Regione Abruzzo ha realizzato il progetto “Ambientiamoci”, per diffondere tra gli adolescenti l’uso responsabile delle risorse: energia, acqua, cibo, suolo. Adiconsum, insieme con Banca Monte dei Paschi di Siena, ha promosso l’iniziativa “Consumerlab a casa vostra, Sicurezza nell’utilizzo di  smartphone e tablet e diritti dei consumatori nel mercato dei servizi elettronici”, presso la CCIAA di Pescara. Nella Filiale di Pescara della Mps, Adiconsum ha presieduto un corner d’ascolto e informazione sul credito, rivolto ai cittadini-clienti della banca. Adiconsum ha celebrato a San Giovanni Teatino, presso il Centro d’Abruzzo, la “Giornata di Mobilitazione contro il Falso”, nell’ambito della campagna d’informazione “Io sono Originale”, d’intesa con il Mise e la Coldiretti Abruzzo. È stato istituito uno Sportello Regionale Antiusura di Adiconsum Abruzzo che nel 2015 ha deliberato l’erogazione circa 80.000 euro di garanzia a 4 nuclei familiari residenti nella provincia di Pescara, portando l’ammontare delle garanzie a poco meno di 850.000 euro. Nel 2016 lo Sportello, invece, è arrivato a deliberare l’erogazione circa 136.000 euro di garanzia per 4 famiglie, sempre residenti nella provincia di Pescara, cosicché l’ammontare delle garanzie ha raggiunto circa 986.000 euro. Lo Sportello Antiusura è stato affiancato dalla campagna di informazione con la divulgazione e distribuzione della guida del consumatore “Gestire l’economia familiare e prevenire il sovra indebitamento.  Alle famiglie che sono incappate nell’acquisto delle obbligazioni subordinate delle Banche fallite (Carichieti, Cariferrara, Banca Marche e Banca Etruria) grazie all’azione di tutela Adiconsum è stato riconosciuto un indennizzo pari all’80% delle somme versate.

“Abbiamo necessità di sviluppare nuove competenze e capacità per diventare protagonisti di un cambiamento trainato dalle nuove tecnologie che nascondono le nuove forme di truffe e brogli. Dobbiamo esplorare nuovi spazi di tutela e rappresentanza che sono il futuro per un’Associazione come l’Adiconsum che pone al centro la persona, la famiglia e la società”, - ha concluso Vincenzo Zangardi.

 

.

Condividi su...

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto