Gen09

Sicet, obbligo della termoregolazione sei mesi di proroga per l'installazione

Categories // Notizie - Sicet

 Sicet, obbligo della termoregolazione sei mesi di proroga per l'installazione

Proroga di sei mesi dell’obbligo di installare nei condomini i sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore che scadeva a fine anno. Con il decreto legge 30 dicembre 2016 n.244, cosiddetto: “mille proroghe” il Governo ha spostato il termine per mettere in regola gli impianti di riscaldamento nei condomini al prossimo 30 giugno 2017. Per il SICET è una norma di buon senso, viste le difficoltà per mettersi in regola. Questo per i tempi strettissimi necessari ad effettuare i lavori, come prescritti dalle ultime norme emanate il 16 agosto, dopo l’entrata in vigore dell’ultimo decreto legislativo modificativo. Una nuova norma che ha cambiato molte prescrizioni della legge in materia con il risultato di aver reso inutili i lavori fatti dai condomini solerti che si erano attivati in precedenza sulla base delle norme in vigore, successivamente modificate. E la beffa, di una situazione degli impianti del riscaldamento non a norma, nonostante la spesa sostenuta. Ma le difficoltà sono state anche legate alle procedure non rapide per mettere in cantiere la messa a norma, attraverso la convocazione dell’assemblea condominiale, la predisposizione dei vari preventivi, la loro valutazione e votazione. Senza dimenticare poi l’esecuzione da parte delle ditte dei lavori in poche settimane. Ricordiamo, che le sanzioni in caso di controllo da parte delle agenzie regionali per l’ambiente sono particolarmente salate, con multe che vanno da un minimo di 500 ad un massimo di 2.500 euro. La messa a norma consiste, come previsto dal decreto legislativo n. 102 del 2014, di installare un contatore di fornitura in corrispondenza dello scambiatore di calore collegato alla rete o del punto di fornitura dell’edificio. Le difficoltà però derivano dai lavori che dovrà effettuare il proprietario dell’unità immobiliare per mettere un sotto contatore per ogni appartamento con il compito di misurare il consumo energetico. Nel caso che questa tipologia di intervento non sia possibile, perché l’edificio è vecchio ed il riscaldamento è a colonna, la soluzione sarà quella di prevedere l’installazione, per ogni calorifero, di un termoregolatore ed un contabilizzatore. Nel caso in cui l’appartamento sia affittato l’onere straordinario dell’adeguamento è a carico del locatore. Mentre nulla è dovuto da parte dell’inquilino, non solo per la suddivisione degli oneri in base alle norme vigenti sulle locazioni, ma anche in ragione delle disposizioni sulla cedolare secca che vieta qualsiasi aumento del canone. Circa il 30 % dei condomini non è riuscito a mettersi in regola principalmente a causa degli installatori oberati dal lavoro sotto la scadenza che non erano in grado di accontentare i committenti. La novità dell’installazione delle termovalvole permetterà di risparmiare sulla spesa del riscaldamento attraverso una riduzione dei costi di oltre il 20 %. Altro vantaggio sarà quello di poter gestire autonomamente il calore nell’appartamento sostenendo in particolare la spesa in base al consumo effettivo individuale, evitando così antipatiche discussioni e contenziosi tra i condomini e con l’amministratore. Maggiori informazioni in tutte le sedi del SICET.

Condividi su...

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto