Sep09

Imprese under 35 nel secondo trimestre 2016

Categories // Coordinamento Giovani

Imprese under 35 nel secondo trimestre 2016

Unioncamere ha pubblicato il rapporto sulle imprese under 35 nel secondo trimestre 2016.

Si conferma anche nel periodo aprile - giugno 2016 la vocazione imprenditoriale dei giovani sotto i 35 anni.  Commercio, ristorazione, servizi, costruzioni, agricoltura e poi l’industria  manifatturiera: sono queste le attività che attirano di più i giovani imprenditori.

31 mila sono le nuove imprese giovani, il 31,6% del totale di tutte le nuove imprese  iscritte  nei Registri delle Camere di Commercio, a fronte di 10 mila imprese giovani cessate, il 17,4% del totale.

Un bilancio nettamente positivo, che supera le 20 mila unità ed è pari al 54,1% del saldo complessivo delle imprese italiane.

In sostanza i giovani under 35 hanno voglia d’impresa e riescono a mettere in piedi aziende  più stabili e resistenti rispetto a tutte le altre. L’alta natalità e la bassa mortalità delle loro aziende producono un effetto sorprendente:  il saldo complessivo, cioè quel che resta tra imprese che nascono ed imprese che muoiono, rivela che finalmente l’attività imprenditoriale torna decisamente a crescere, ed il merito è soprattutto dei giovani, visto che una nuova impresa su due nasce per iniziativa degli under 35.

Le imprese giovani.  E’ il mezzogiorno, questa volta, a distinguersi nettamente, in modo positivo, rispetto al centro ed al nord del paese.  Le imprese giovani crescono soprattutto al sud, con un saldo di 8.366 unità, oltre il 40% di tutte le imprese under 35.

Tuttavia, nel meridione ci sono regioni che crescono più delle altre.  Tra queste c’è il  Molise, che  registra una grande vitalità dei giovani imprenditori; è grazie al loro impulso che il saldo delle imprese giovani è molto alto, ed arriva a sfiorare il 60% del totale.

Sul fronte opposto c’è l’Abruzzo, dove il saldo delle imprese di under 35, pur positivo,  è pari al 48,1% del totale, inferiore alla media nazionale.

 

Le province.   In assoluto, una delle province a maggior vocazione giovanile è Isernia, dove  i giovani imprenditori attualmente rappresentano il 13% del totale, contro il 9,6% della media nazionale.  Anche Campobasso, con il 10,1 conferma la vitalità della regione Molise.

In  Abruzzo la distanza tra territori è meno marcata: sono  sopra la media nazionale  L’Aquila  (10,5%),  Pescara (10,1%) e Teramo (9,9%). Sorprende invece Chieti, la provincia con il più importante sistema industriale, che registra solo l’8,3% di imprese guidate da giovani.

 

Monica De Vito - Maurizio Spina

Coordinamento Giovani CISL AbruzzoMolise- Segretario Generale CISL AbruzzoMolise

 

 

Condividi su...

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto